Una nuova app era in grado di spogliare le donne partendo dalle foto

Una nuova app era in grado di spogliare le donne partendo dalle foto
di

Una nuova particolare applicazione sta facendo a lungo discutere nelle ultime ore. Si chiamava DeepNude e come suggerisce il nome, era in grado di "spogliare" le donne presenti in una fotografia tramite un sistema simile a quello dei deepfake.

Il funzionamento era molto semplice: partendo da una fotografia comune, l'algoritmo d'intelligenza artificiale sostituiva il corpo con i vestiti con quello di una donna nuda.

Come osservato dai colleghi di The Verge, però, il più delle volte i risultati non erano realistici. Inoltre, l'applicazione aveva delle limitazioni importanti: ad esempio non funzionava bene se nella fotografia originale c'era una luce particolare o se l'immagine era stata scattata da una prospettiva particolare e non frontalmente. Se però rispettavano a pieno tutti i requisiti, era molto difficile accorgersi di avere di fronte un deep fake.

Alla luce delle crescenti polemiche, l'applicazione è stata cancellata. Gli sviluppatori, tramite un tweet pubblicato sull'account ufficiale hanno osservato che "questa applicazione è stata creata per far divertire gli utenti. Non immaginavamo che sarebbe diventata virale e che non saremmo stati capaci di controllarne l'utilizzo ed il traffico". La scelta di rimuoverla è dettata dal fatto che, secondo i creatori "la possibilità che le persone la usino per scopi sinistri è troppo alta". E' doveroso sottolineare però nelle immagini fasulle era presente una filigrana in cui compariva la scritta "FAKE".

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
6