Nuova immagine e nuove info su 2I/Borisov, la cometa di un altro Sistema Solare

Nuova immagine e nuove info su 2I/Borisov, la cometa di un altro Sistema Solare
di

2I/Borisov, la cometa interstellare scoperta da poco, ha senza dubbio attirato l'attenzione di tutti gli astronomi del globo. Dichiarata recentemente come il secondo oggetto interstellare mai entrato nel nostro sistema solare, la pietra cosmica non smette di attirare gli sguardi dei curiosi.

Tuttavia, le proprietà della cometa sono sorprendentemente familiari (nulla di strano come Oumuamua quindi), secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell'Università Jagellonica e pubblicato sulla rivista Nature Astronomy.

Spinti dalla precedente e fugace visita di Oumuamua, i ricercatori dietro lo studio hanno creato un programma per computer chiamato "Interstellar Crusher" con il compito di scansionare i dati disponibili di comete e asteroidi appena scoperti, per trovare qualche visitatore interstellare.

Il programma è poi riuscito nel suo scopo: l'8 settembre 2019 alle 04:15 ha avvisato il team dell'entrata di un possibile nuovo oggetto proveniente dallo spazio interstellare (la cometa è stata scoperta prima, dall'astronomo Gennady Borisov il 30 agosto).

"Questo codice è stato scritto appositamente per questo scopo e speravamo davvero di ricevere questo messaggio un giorno. Ma non sapevamo quando", dichiara Piotr Guzik dell'Università Jagellonica, a guida dello studio.

Due giorni dopo aver ricevuto l'avviso, il team stava già esaminando le prime immagini dell'oggetto al William Herschel Telescope, in Spagna, e si stava preparando a ricevere ancora più dati dai Telescopi Gemini, nelle Hawaii.

Dai dati si è scoperto che la cometa Borisov è circondata dalla polvere, con una tonalità rossastra e con un nucleo solido con un raggio di circa 1 chilometro. "Sulla base di queste caratteristiche iniziali, l'oggetto appare indistinguibile dalle comete del sistema solare native", afferma Guzik. Tuttavia, questo è solo l'inizio di studi futuri più approfonditi. "Il meglio deve ancora venire", ha dichiarato infine Waclaw Waniak, coautore dello studio.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
6
Nuova immagine e nuove info su 2I/Borisov, la cometa di un altro Sistema Solare