Nuove accuse contro Amazon: regali in cambio di visibilità?

Nuove accuse contro Amazon: regali in cambio di visibilità?
di

Giovedì da dimenticare per Amazon. Sulla società di Jeff Bezos piovono infatti nuove accuse, che vanno ad aggiungersi alla denuncia presentata da eBay di cui vi abbiamo parlato questa mattina. Ad avanzarle, però, non è un altro colosso del settore ma un gruppo di piccoli rivenditori.

Secondo quanto riportato oggi da Bloomberg, Amazon avrebbe trovato un modo per avvantaggiare i propri prodotti della linea Amazon Basics rispetto a quelli venduti dai commercianti di terze parti, il tutto per ottenere maggiore visibilità.

Il funzionamento del sistema, che è ancora tutto da verificare, sarebbe molto semplice e si appoggerebbe sul programma Vine che è accessibile solo da un gruppo di rivenditori selezionati e consente a coloro che ne fanno parte di regalare ai migliori recensori determinati oggetti. L'obiettivo? Ottenere un folto numero di recensioni in modo tale che siano presenti nella scheda al momento dell'inizio della commercializzazione.

Ricordiamo che su Amazon il sistema di recensioni è un elemento fondamentale, e che il colosso di Seattle negli ultimi mesi ha abilitato vari sistemi di protezione per proteggerlo da truffe e da false recensioni che potrebbero minare il corretto funzionamento del sistema stesso.

Secondo Bloomberg, Amazon in quanto concorrente e non piattaforma, avrebbe fornito ad alcuni rivenditori degli omaggi tramite il programma Vine allo scopo di ottenere recensioni per i propri prodotti. Il tutto si traduce in maggiore visibilità nei risultati di ricerca, a svantaggio dei concorrenti.

Accuse ovviamente tutte da verificare, a cui ad oggi la società non ha risposto.

FONTE: Bloomberg
Quanto è interessante?
5