La sonda Juno ha raccolto nuove spettacolari immagini di Giove e Ganimede: eccole

di

Il 7 giugno 2021, la navicella spaziale della NASA, Juno, ha sorvolato Ganimede, la luna di ghiaccio di Giove, più vicino di qualsiasi altra navicella spaziale nell'arco di due decenni. Poche ore più tardi ha inoltre effettuato il suo 34esimo fly-by di Giove, passando sopra la sua turbolenta atmosfera da un polo all'altro in meno di tre ore.

Utilizzando la JunoCam, la fotocamera-telescopio a luce visibile della navicella, il team della missione ha messo insieme un'animazione spettacolare in grado di per fornire la sensazione di essere un vero e proprio passeggero sulla sonda durante ogni sorvolo. In un precedente articolo vi avevamo anche parlato di quanto impiegheremmo qualora volessimo raggiungere Giove, proprio in base alle sonde che lo hanno visitato in passato.

Scott Bolton, capo-ricercatore presso lo Juno del Southwest Research Institute di San Antonio, ha affermato: "L'animazione mostra quanto possa essere bella l'esplorazione dello spazio profondo, è un modo per le persone di immaginare di esplorare il nostro Sistema Solare in prima persona, vedendo come sarebbe essere in orbita attorno a Giove e sorvolare una delle sue lune ghiacciate".

Ha inoltre aggiunto: "Oggi, mentre ci avviciniamo all'eccitante prospettiva che gli umani possano visitare lo spazio in orbita attorno alla Terra, questo spinge la nostra immaginazione decenni nel futuro, quando gli umani visiteranno i mondi alieni nel nostro sistema solare".

L'animazione inizia con Juno che si avvicina a Ganimede, passando entro 1000 km dalla superficie del satellite ad una velocità relativa di 67.000 km/h. Le immagini mostrano molte regioni della luna (si ritiene che quelle più scure derivino dal ghiaccio che sublima nel vuoto circostante, lasciandosi dietro residui caliginosi) quindi viene mostrato anche il cratere Tros, tra le più grandi e luminose cicatrici meteoriche di Ganimede.

Vediamo poi Juno che si sposta verso il gigante gassoso, impiegando solo 14 ore e 50 minuti per percorrere gli 1,18 milioni di km che separano la luna ghiacciata da Giove, e lo spettatore viene trasportato a soli 3.400 km sopra le spettacolari nuvole del pianeta. Tra le caratteristiche atmosferiche che possono essere notate, ci sono i cicloni circumpolari al polo nord ed il famoso "filo di perle", otto enormi tempeste che ruotano in senso antiorario nell'emisfero australe che appaiono come ovali bianchi.

Quello di Juno è quindi un viaggio spettacolare che dimostra ancora una volta quanto siamo piccoli nei confronti di un Universo ancora da scoprire. Proprio recentemente infatti, lo stesso Giove è stato protagonista di un'altra scoperta sul suo conto, di cui vi abbiamo parlato in questa notizia.

Quanto è interessante?
6
La sonda Juno ha raccolto nuove spettacolari immagini di Giove e Ganimede: eccole