Un nuovo studio ci mostra la massa minima di un pianeta per essere abitabile

Un nuovo studio ci mostra la massa minima di un pianeta per essere abitabile
di

Sappiamo che la Terra è grande abbastanza per essere abitabile. Dal canto suo anche Marte, leggermente più piccolo del nostro pianeta, potrebbe essere stato abitabile un tempo. Così, dei ricercatori si sono chiesti: quanto deve essere piccolo un pianeta per non essere abitabile?

In una ricerca pubblicata sull'Astrophysical Journal, dei ricercatori dell'Università di Harvard rispondono proprio a questa domanda.

Non è solo la vicinanza alla stella a determinare l'abitabilità di un mondo. "In realtà, ci sono molte altre variabili, compresa la massa. Stabilire un limite inferiore per l'abitabilità in termini di dimensioni ci dà un vincolo importante nella nostra caccia agli esopianeti", afferma Constantin Arnscheidt, primo autore del documento.

In generale, i pianeti sono considerati abitabili se in grado di mantenere l'acqua liquida in superficie abbastanza a lungo per consentire l'evoluzione della vita, per circa 1 miliardo di anni. Tuttavia, quando i pianeti sono troppo piccoli, perdono del tutto le loro atmosfere e l'acqua in superficie si congela o vaporizza.

I ricercatori hanno dimostrato che esiste una dimensione critica al di sotto della quale un pianeta non potrà mai essere abitabile. La dimensione in questione è di circa il 2.7 % della massa della Terra. Al di sotto di questa percentuale, l'atmosfera di un mondo scomparirà prima della comparsa dell'acqua (ad esempio, la Luna è l'1.2% della massa della Terra, mentre Mercurio 5.53%).

Gli astronomi hanno analizzato anche Europa, Ganimede e Callisto, le lune ghiacciate di Giove. Sulla base di questa ricerca, i satelliti in questione sono troppo piccoli per mantenere l'acqua liquida in superficie, anche se fossero stati più vicini al Sole.

"Una volta che saranno possibili osservazioni per questa classe di oggetti, sarà entusiasmante provare a osservare direttamente queste previsioni", afferma infine Robin Wordsworth, professore associato di scienze ambientali e ingegneria presso il SEAS e autore senior dello studio.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
6
Un nuovo studio ci mostra la massa minima di un pianeta per essere abitabile