NVIDIA bussa agli sviluppatori: potranno testare il DLSS sul Supercomputer

NVIDIA bussa agli sviluppatori: potranno testare il DLSS sul Supercomputer
di

La spinta di NVIDIA nel campo dell'Intelligenza Artificiale per migliorare l'esperienza videoludica l'ha resa uno dei più importanti player sulla piazza. Un contributo eccezionale per l'evoluzione del gaming su PC e non, dimostrando come la potenza di calcolo possa non essere l'unica via.

Abbiamo provato, tra l'altro, a fare il punto della situazione cercando di ripercorrere la storia delle tecnologie NVIDIA RTX e di come abbiano sconvolto l'industria. Una storia ancora relativamente breve ma già costellata di successi e soddisfazioni.

In particolare, la tecnologia che forse più di tutte ha segnato le ultime due generazioni è stata il DLSS, o Deep Learning Super Sampling, partito come tecnica di upsampling mediato dall'IA per consentire un miglioramento del framerate e delle latenze e che, con la relativa evoluzione tecnologica, si è ritrovato a coprire anche il ruolo di filtro per migliorare la grafica e la nitidezza. Ci riferiamo, in questo caso, alla recente implementazione di NVIDIA DLAA su Elder Scrolls Online.

Proprio riguardo al DLSS, il gioiello basato sull'IA è ancora al centro dei piani del team verde e in costante aggiornamento e sviluppo, al punto che NVIDIA ha invitato gli sviluppatori a testare l'ultima build direttamente sul suo supercomputer. Un annuncio niente male, partito dal presupposto che "uno dei principali vantaggi dell'approccio con deep learning al super sampling è che il modello di intelligenza artificiale può migliorare continuamente attraverso l'addestramento continuo del supercomputer di NVIDIA". Gli sviluppatori potranno pertanto scaricare gli ultimissimi modelli di Intelligenza Artificiale sul sito ufficiale NVIDIA Developer e provvedere poi a fornire feedback all'azienda.

Tra i test disponibili, uno riguarderà il miglioramento dei dettagli in movimento e la visibilità delle particelle, mentre in un altro caso il focus sarà puntato sulla "gestione della moderata instabilità nativa" per ridurre il ghosting a schermo.

Di recente, anche Intel ha annunciato la sua tecnica di upsampling mediato, che prenderà il nome di Intel XeSS e che, almeno sulla carta, dovrebbe sfruttare dei principi simili per fornire una maggiore stabilità e consistenza al framerate sulle future schede grafiche Intel ARC Alchemist, in arrivo nel Q1 2022. Per questo motivo, abbiamo provato a fare chiarezza sulle metodiche attualmente a disposizione per comprendere al meglio le differenze e i punti di forza di ognuna di esse. Per approfondire, suggeriamo pertanto di dare un'occhiata al nostro speciale su XeSS e confronto con DLSS e FSR.

FONTE: wccftech
Quanto è interessante?
2