NVIDIA, calano le vendite di schede video: "il mercato del gaming sta rallentando"

NVIDIA, calano le vendite di schede video: 'il mercato del gaming sta rallentando'
di

Nonostante i numerosi annunci di NVIDIA al Computex di Taiwan, alcuni dei quali accolti molto calorosamente dai fan, pare che l'azienda non navighi finanziariamente in buonissime acque. Al contrario, nella giornata di ieri il titolo di NVIDIA ha perso il 10% in borsa dopo che l'azienda ha annunciato i suoi risultati fiscali dello scorso trimestre.

Potete dare un'occhiata ai risultati finanziari di NVIDIA nel file PDF diffuso dalla compagna: il documento evidenzia una contrazione dei ricavi del 4% rispetto alle previsioni per il secondo trimestre dell'anno, che sembra aver messo in allarme numerosi investitori anche al netto di una performance solida nel Q1 2022. A conti fatti, si tratta di una riduzione dei ricavi per 500 milioni di Dollari su un totale di 8,1 miliardi, che NVIDIA attribuisce al conflitto tra Russia e Ucraina e alle sue conseguenze nel mondo del chipmaking.

Gli investitori dell'azienda, però, sembrano decisamente preoccupati dalla riduzione delle vendite del settore CMP, o Cryptocurrency Mining Processor, che indica che le schede grafiche messe in commercio da NVIDIA e pensate esclusivamente per i miner di criptovalute non sembrano essere troppo appetibili per questi ultimi, che continuano a preferire le componenti da gaming dell'azienda. A contribuire al calo delle vendite di questo settore, poi, potrebbe essere il recente bypass dell'algoritmo NVIDIA LHR v2 e v3 da parte di NiceHash, che ha di fatto reso possibile il mining a piena potenza sulle RTX di serie 30.

A questi fattori se ne aggiungono poi altri, come i lockdown in Cina e il già annunciato passaggio di Ethereum al proof-of-stake, che potrebbe avvenire nelle prossime settimane e ridurre notevolmente la domanda di GPU per il mining. In effetti, il declino del mercato CMP è stato evidentissimo, poiché quest'ultimo è passato da un totale di 266 milioni di Dollari nel Q2 2021 fino a soli 24 milioni nel Q4 dello stesso anno. Per quanto riguarda lo stesso settore, NVIDIA non ha divulgato alcun dato relativo al Q1 2022, indicando che le cifre potrebbero essersi ulteriormente ridotte.

Anche nel settore gaming, poi, le cose non andrebbero particolarmente bene: Reuters, infatti, riporta che il CEO di NVIDIA Jensen Huang avrebbe spiegato che "in termini generali, il mercato gaming sta rallentando", giustificando così le previsioni al ribasso dell'azienda per il prossimo trimestre, legate anche ad una contrazione delle vendite di GPU per il gaming su PC e su console.

Quanto è interessante?
2
NVIDIA, calano le vendite di schede video: 'il mercato del gaming sta rallentando'