NVIDIA GeForce RTX 3080, creato "mining rig" con 78 GPU: genera 128.000 dollari all'anno

NVIDIA GeForce RTX 3080, creato 'mining rig' con 78 GPU: genera 128.000 dollari all'anno
di

Già da tempo si parlava della possibile vendita di grandi lotti di schede video NVIDIA GeForce RTX 3000 ai miner di criptovalute e l’esperienza di uno di essi, condivisa in rete, sembrerebbe confermarlo: negli Stati Uniti, infatti, qualcuno ha creato un “mining rig” con ben 78 NVIDIA GeForce RTX 3080 in grado di fruttare 128.000 dollari all’anno.

Come riportato da TweakTown, infatti, l’utente americano Simon Byrne è riuscito nell’intento di aggiudicarsi 78 schede grafiche d’ultima generazione – tra l’altro nemmeno entry-level -, progetto che potete vedere in una foto anche in calce all’articolo e che consuma oltre 23 kW (nello specifico, 23,4 kW solo di GPU, per circa 300W per ognuna di esse), comportando così costi da urlo solo in questo modo: a Las Vegas, dove Byrne vive, dato che l’elettricità costa 8,43 centesimi per kW e serviranno anche sistemi di raffreddamento e manutenzione, si parla di circa 2160 dollari al mese.

Inoltre, molto probabilmente, dato che Byrne avrà comprato diversi modelli negli ultimi mesi dagli scalper si stima un costo totale di circa 93.500 dollari soltanto per il setup. Considerato dunque che la GeForce RTX 3080 ha un hash rate più o meno pari a 83 MH/s, il sistema più garantire circa 17,3 ETH (Ethereum) al mese, o circa 12.840 dollari al valore attuale. Togliendo le spese, allora, si parlerebbe di circa 128.000 dollari annuali.

Byrne si sarà affidato alle GeForce RTX 3080 più per un discorso di costi che altro, dato che la top di gamma NVIDIA GeForce RTX 3090 risulta il 49% più veloce nel mining rispetto alla sorella minore. In ogni caso, questa rimane una sorta di “brutta notizia” per tutti coloro che, sin dalla uscita dell'ultima serie, sono alla ricerca di nuovi modelli da acquistare e usare nel proprio PC.

Intanto si parla anche delle GPU NVIDIA RTX 30 Mobility per notebook e laptop: di recente, infatti, il produttore olandese SKIKK ha aggiunto al proprio database l’intera serie da usare nei migliori computer portatili da gaming.

FONTE: TweakTown
Quanto è interessante?
2