NVIDIA hackerata dal gruppo LAPSUS$: i dati trafugati verranno messi in vendita

NVIDIA hackerata dal gruppo LAPSUS$: i dati trafugati verranno messi in vendita
di

Il 25 febbraio è emerso che NVIDIA è stata colpita da un attacco hacker che ne avrebbe danneggiato gravemente i sistemi interni e che avrebbe trafugato enormi quantità di materiale sensibile dai server dell'azienda. Oggi, per la prima volta, un gruppo hacker ha rivendicato l'attacco ed ha minacciato ulteriori azioni contro l'azienda di Santa Clara.

La rivendicazione dell'attacco a NVIDIA arriva dal gruppo hacker specializzato in ransomware LAPSUS$, che ha spiegato che la portata dell'attacco sarebbe ben maggiore di quanto pensassimo: in particolare, gli hacker avrebbero avuto accesso ai server NVIDIA per almeno una settimana, ottenendo anche i privilegi di amministratore su molti dei sistemi dell'azienda, che sono successivamente stati infettati con dei ransomware.

Con la sua rivendicazione, LAPSUS$ risponde alle minacce di NVIDIA, che nelle scorse ore ha attaccato gli hacker con un altro ransomware nella speranza di farsi restituire i dati trafugati. Purtroppo, però, il gruppo ha spiegato che, nonostante gli sforzi dell'azienda, dati come driver, schematiche e firmware dei device di NVIDIA sono ancora "al sicuro" nelle mani degli hacker.

LAPSUS$ ha anche aggiunto di aver messo in vendita un bypass al blocco LHR V2 al mining sulle GPU GA102 e GA104 del Team Verde. Questa informazione è particolarmente interessante alla luce di alcuni fatti della scorsa settimana, quando un utente ha rilasciato un tool per bypassare il blocco LHR V2 di NVIDIA su GitHub, che però si è rivelato essere un malware.

Se la vendita del sistema di aggiramento del blocco anti-mining di NVIDIA fosse veramente in corso, in breve tempo potremmo (ri)vedere le GPU RTX 30 utilizzate dai miner di criptovalute, con conseguenze potenzialmente devastanti sul mercato delle schede grafiche da gaming, che proprio in queste ultime settimane sembrava essersi ripreso in termini di prezzi e disponibilità delle GPU.

Nonostante le dichiarazioni del gruppo LAPSUS$, NVIDIA ha confermato di non aver contattato gli hacker per raggiungere un accordo al fine di evitare la diffusione dei materiali sensibili. Un messaggio rilasciato dagli hacker su Telegram, che potete vedere in calce a questa notizia, sembra dunque suggerire che nelle prossime ore tutte le informazioni trafugate verranno rilasciate o vendute al pubblico.

FONTE: VideoCardZ
Quanto è interessante?
4
NVIDIA hackerata dal gruppo LAPSUS$: i dati trafugati verranno messi in vendita