NVIDIA contro i miner: nuovo driver blocca parzialmente il mining sulle RTX di serie 30

NVIDIA contro i miner: nuovo driver blocca parzialmente il mining sulle RTX di serie 30
di

Continua a consumarsi il botta-e-risposta tecnologico tra NVIDIA e i miner di critpovalute: dopo che NiceHash ha bypassato il blocco NVIDIA LHR v3 al mining sulle GPU della compagnia, quest'ultima sembra infatti aver pubblicato un driver anti-mining per le proprie schede video.

Nella giornata di martedì 24 maggio, NVIDIA ha pubblicato un nuovo driver per le sue schede video RTX di serie 30, il NVIDIA GeForce Game Ready 512.95. Il driver, tra le altre cose, abilita il DLSS e il Ray-Tracing in videogiochi come Hitman 3 e, incredibilmente, fa crollare l'hashrate delle mining rig pensate per Ethereum.

Stando a quanto riporta un video in portoghese su YouTube, infatti, il driver avrebbe dimezzato l'hashrate delle RTX di serie 30 nel mining di Ethereum. Solo la scorsa settimana, invece, Nicehash aveva raggiunto lo sblocco del mining al 90% sulle stesse schede video ed aveva completamente bypassato l'algoritmo NVIDIA LHR v2, garantendo lo stanziamento del 100% delle risorse della GPU al mining di criptovalute.

Con ogni probabilità, dunque, il driver Game Ready 512.95 si limita a riabilitare gli algoritmi di mining LHR, rendendoli più difficili da sorpassare per i tool legati alle criptovalute. Purtroppo, però, la notizia della mossa a sorpresa di NVIDIA è rapidamente circolata sul web, mentre molti miner hanno semplicemente deciso di non aggiornare il software delle proprie schede grafiche per evitare qualsiasi problema con gli algoritmi anti-miner.

Intanto, comunque, non sembra che l'aggiramento dei blocchi LHR v2 e v3 abbia creato problemi di prezzi e disponibilità delle GPU NVIDIA, se non altro perché la recente contrazione dei prezzi delle criptovalute e il prossimo passaggio della blockchain Ethereum al Proof-of-Stake stanno facendo trattenere il fiato anche ai miner, oltre che agli investitori.

Quanto è interessante?
2