Un' "oasi" al largo di Miami potrebbe salvare questa specie a rischio di estinzione

Un' 'oasi' al largo di Miami potrebbe salvare questa specie a rischio di estinzione
di

Lo squalo martello maggiore è un animale dalla grande mole, dotato di una conformazione della testa atta ad ottimizzare l’abilità di elettroricezione. Ad oggi, però, questa specie risulta essere in grave pericolo di estinzione, ma un team di ricercatori sembra aver scovato un sito di riproduzione che potrebbe guidarne la salvaguardia.

Sulle rotte migratorie e i luoghi di riproduzione di una delle tante specie di squali, i ricercatori sono ancora molto dubbiosi e incerti. Nemmeno l’utilizzo di strumenti di localizzazione satellitare ha permesso di ovviare al monitoraggio costante a cui una specie così a rischio dovrebbe essere soggetta.

È proprio per queste perplessità che la scoperta effettuata al largo della costa di Miami, nella Biscayne Bay in Florida, ha avuto dell’incredibile. I ricercatori hanno identificato una zona in cui sono stati ritrovati numerosi piccoli di squalo martello maggiore, che potrebbero segnalare la presenza di una sorta di vivaio della specie. Qualora ne fosse accertata la natura, qui gli squali potrebbero proliferare efficacemente.

Catherine Macdonald , ricercatrice presso l'Università di Miami, è una biologa marina, impegnata nella ricerca di aree abitate dalla specie e del comportamento degli squali, soprattutto nelle zone ad alto impatto umano. In queste aree, la ricercatrice e il suo team, effettuano analisi e rilevamenti per determinare il numero e l’eterogeneità delle specie di squali.

Inaspettatamente, durante monitoraggi di routine nell’estate del 2018, proprio nella zona della baia di Biscayne, hanno catturato un cucciolo di squalo martello. Il ritrovamento ha avuto una grande importanza perché, prima di allora, da un decennio non se ne vedevano più da quelle parti. Ma non è tutto. Infatti qualche mese dopo, l’evento si è ripetuto con un altro giovane esemplare. Nel periodo seguente, i ritrovamenti si sono moltiplicati, fino ad arrivare all’identificazione di ben nove esemplari.

Le misurazioni effettuate su questi squali hanno confermato che si tratta di individui giovani e secondo i ricercatori questa specie potrebbe aver trovato un ambiente ideale che fornisce loro protezione dai pericoli e una fonte di cibo abbondante.

Fondamentale, a questo punto, diviene salvaguardare l’area di nidificazione, dati i lunghi tempi di riproduzione della specie e l’alto tasso di mortalità per i più giovani. Questa sembra un occasione da non lasciarsi scappare per proteggere questa specie in via di estinzione ( e non si tratta dell'unica specie in serio pericolo).

"Anche in un luogo così pesantemente colpito, è possibile che la natura sia fiorente" conclude Macdonald.

Quanto è interessante?
7