Gli odori rievocano ricordi particolarmente intensi, ma qual è il motivo?

Gli odori rievocano ricordi particolarmente intensi, ma qual è il motivo?
di

La memoria spesso ci sorprende con il suo misterioso funzionamento, tanto che esistono dei piccoli trucchi per allenarla di cui magari non sappiamo nulla ma che funzionano davvero. Ci sono però altri segreti su cui i ricercatori stanno lavorando, come i veri motivi per cui gli odori spesso rievocano alcuni nostri ricordi particolarmente potenti.

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Progress in Neurobiology ha infatti identificato per la prima volta in assoluto una base neurale per cui il cervello permetterebbe agli odori di farci ricordare quei momenti specifici in maniera così intensa, svelando quindi una sorta di “accesso privilegiato” dell’olfatto ad aree di memoria.

La ricercatrice Christina Zelano della Northwestern University Feinberg School of Medicine, leader del team addetto a questa analisi, ha dichiarato: “Durante l'evoluzione, gli esseri umani hanno sperimentato una profonda espansione della neocorteccia che ha riorganizzato l'accesso alle reti di memoria. La vista, l'udito e il tatto vengono reindirizzati nel cervello mentre la neocorteccia si espande, connettendosi con l'ippocampo attraverso un intermediario, la corteccia associativa, piuttosto che direttamente. I nostri dati suggeriscono che l'olfatto non ha subito questo reindirizzamento e ha invece mantenuto l'accesso diretto all'ippocampo”.

Questo legame diretto tra l’ippocampo, sede della memoria nel cervello, e il nostro olfatto è stato oggetto di studi in questo periodo in particolare a causa del COVID-19, come ha dichiarato il collega di Zelano, Guangyu Zhou: “C'è un urgente bisogno di comprendere meglio il sistema olfattivo al fine di comprendere meglio il motivo della perdita dell'olfatto correlata a COVID, diagnosticare la gravità della perdita e sviluppare trattamenti”.

Lo stesso Zhou ha poi risposto, assieme a Christina Zelano, ad alcune domande specifiche rivelando che le motivazioni effettive riguardo la vivida rievocazione di ricordi a causa degli odori sono ancora un mistero, ma che questa ricerca è un passo fondamentale per comprenderne ragioni ed ulteriori eventuali effetti: “L'odore del prezzemolo fresco tritato può evocare la cucina di una nonna, o l'odore di un sigaro può evocare la presenza di un nonno. Gli odori ci collegano a importanti ricordi che ci riportano alla presenza di quelle persone. […] La perdita dell'olfatto è sottovalutata nel suo impatto”.

Per concludere, i ricercatori hanno dichiarato che sussiste un’altra importante correlazione tra la perdita dell’olfatto e la scarsa qualità della vita, addirittura con la depressione. Ricerche più approfondite da parte loro e dei loro colleghi, dunque, sono estremamente necessarie.

A proposito della memoria, un altro studio ha dimostrato che dormire è fondamentale per associare le emozioni ai ricordi.

Quanto è interessante?
2