Oltre mille galassie in questo scatto di Hubble: Una mappa della materia

Oltre mille galassie in questo scatto di Hubble: Una mappa della materia
di

Alla NASA, gli astronomi hanno utilizzato il telescopio spaziale Hubble della NASA per effettuare un censimento completo di ben 22.426 ammassi globulari di stelle, trovati fino ad oggi, guardando in un luogo popolato da centinaia di galassie: È ad oltre 300 milioni di anni luce da qui. La straordinaria immagine è disponibile all'interno della news.

Lo studio, pubblicato sull'Astrophysical Journal del 9 novembre scorso, consentirà agli astronomi di mappare la distribuzione della materia ordinaria e della materia oscura nel cluster di galassie di Coma (ammasso della chioma), che contiene oltre 1.000 galassie tenute assieme dalle interazioni gravitazionali.

Allo stato attuale, vi sono circa 150 ammassi globulari che circondano la Via Lattea e, poiché contengono le stelle più antiche conosciute nell'universo, si tratta sicuramente di strutture esistenti sin dai "primi minuti" di vita dell'universo. Hubble ha dunque rivelato che alcuni ammassi globulari si allineano lungo schemi simili a ponti e questa era una prova rivelatrice delle interazioni tra le galassie.

L'astronomo Juan Madrid dell'Australian Telescope National Facility di Sydney, in Australia, si è interessato alla distribuzione di ammassi globulari nell'ammasso mentre stava esaminando le immagini di Hubble che mostrano ammassi globulari che si estendono fino al limite di ogni fotografia rappresentante galassie nel Cluster della Chioma. Ma nel 2006, la Advanced Camera for Surveys (ACS) di Hubble è stata interessata da un guasto elettronico: La ACS fu successivamente riparata da astronauti durante una missione di manutenzione di Hubble del 2009 ma parte della ricerca era stata compromessa.

Per colmare le lacune del sondaggio, Madrid e il suo team hanno manipolato numerose immagini di Hubble del cluster di galassie ottenute da diversi programmi di osservazione precedenti. Questi dati sono stati archiviati nell'archivio dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland. Il mosaico ottenuto è stato frutto di un lavoro congiunto con gli studenti del "programma di ricerca per studenti universitari" della National Science Foundation.
"Questo programma offre l'opportunità agli studenti iscritti nelle università con poca o nessuna nozione di astronomia di acquisire esperienza nel settore", spiega Madrid.

Il team ha sviluppato algoritmi per setacciare le immagini del mosaico di Coma che contengono almeno 100.000 fonti luminose. Il programma utilizzava il colore dei "grappoli globulari" e la forma sferica per eliminare oggetti estranei, come ad esempio galassie presenti nello sfondo e quindi non appartenenti al cluster Coma.

Il principale svantaggio degli osservatori come Hubble, è che hanno campi visivi minuscoli. "Uno degli aspetti interessanti della nostra ricerca è che mette in mostra la straordinaria scienza che sarà possibile con il Wide Field Infrared Survey Telescope (WFIRST) della NASA che avrà un campo di visione molto più ampio di quello di Hubble", ha affermato Madrid. "Saremo in grado di scansionare e catturare interi gruppi di galassie contemporaneamente".

Vi lasciamo allo scatto in questione, in fondo alla news. L'immagine a risoluzione molto elevata è disponibile a questo link.

FONTE: nasa
Quanto è interessante?
7
Oltre mille galassie in questo scatto di Hubble: Una mappa della materia