Queste onde sonore non invasive hanno sradicato il cancro al fegato: lo studio

Queste onde sonore non invasive hanno sradicato il cancro al fegato: lo studio
di

I ratti affetti da cancro al fegato hanno dimostrato l'efficacia di un trattamento affascinante e non invasivo. Usando gli ultrasuoni focalizzati, gli scienziati sono riusciti a distruggere fino al 75% del volume di un tumore al fegato. Il trattamento sembra anche stimolare il sistema immunitario dei ratti e a eliminare il resto.

Nell'80% degli animali, il cancro sembrava essere stato distrutto, senza alcun segno di metastasi nei tre mesi per i quali erano stati monitorati, hanno detto i ricercatori. Il trattamento, chiamato istotripsia (dall’inglese histotripsy), è attualmente in fase di sperimentazione su esseri umani con cancro al fegato.

"L'istotripsia è un'opzione promettente che può superare i limiti delle modalità di ablazione attualmente disponibili e fornire un intervento non invasivo del tumore al fegato sicuro ed efficace", ha affermato l'ingegnere biomedico Tejaswi Worlikar dell'Università del Michigan.

"Ci auguriamo che ciò che abbiamo appreso da questo studio motiverà le future indagini precliniche e cliniche sull'istotripsia verso l'obiettivo finale dell'adozione clinica del trattamento per i pazienti con cancro del fegato".

Sviluppata e sperimentata all'Università del Michigan, l'istotripsia sembra offrire una nuova speranza ai pazienti con una delle forme di cancro più letali: che è afflitto da cancro al fegato per almeno cinque anni ha una percentuale di sopravvivenza inferiore al 18% negli Stati Uniti. La tecnica impiega un trasduttore a ultrasuoni, non per rimbalzare sulle strutture interne, ma per interrompere fisicamente i tumori cancerosi. Una menzione onorevole da fare è in virtù della nanomedicina, un'altra possibile arma contro il cancro.

Il modo in cui funziona la cavitazione ad ultrasuoni è simile al metodo utilizzato per abbattere in modo non invasivo le cellule adipose per i trattamenti dimagranti. Le onde di ultrasuoni sono dirette verso l'area da trattare; le vibrazioni generano minuscole bolle nel tessuto mirato. Quando le bolle collassano o scoppiano, il tessuto viene interrotto, distruggendo quella parte del tumore.

"Il nostro trasduttore, progettato e costruito presso [l'Università del Michigan], fornisce impulsi a ultrasuoni della lunghezza di microsecondi ad alta ampiezza - cavitazione acustica - per concentrarsi sul tumore in modo specifico per distruggerlo", ha affermato l'ingegnere biomedico Zhen Xu dell'Università del Michigan. "Anche se non prendiamo di mira l'intero tumore, possiamo comunque causare la regressione del tumore e anche ridurre il rischio di future metastasi".

Precedenti studi di istotripsia avevano dimostrato che il trattamento è efficace nel ridurre il volume di un tumore. Il nuovo lavoro mostra che sembra aumentare significativamente anche il tasso di sopravvivenza dopo il trattamento.

"Questi risultati suggeriscono che l'istotripsia potrebbe non aumentare il rischio di sviluppare metastasi dopo l'ablazione, rispetto ai controlli. Studi futuri continueranno a verificare la sicurezza, l'efficacia e gli effetti biologici dell'istotripsia, per un potenziale trasferimento in clinica".

Nella continua ricerca verso una cura efficace contro i tumori, anche l'irradiazione protonica fa passi da gigante nella lotta contro il cancro.

Quanto è interessante?
6