L'orribile bevanda che veniva data ai bambini Inca prima di essere sacrificati

L'orribile bevanda che veniva data ai bambini Inca prima di essere sacrificati
di

Nella rivista June Journal of Archaeological Science: Reports i ricercatori hanno trovato delle tracce di una bevanda somministrata a due bambini Inca - che avevano un'età compresa tra i 4 e gli 8 anni - giorni o settimane prima di un sacrificio. L'obiettivo di questo intruglio era quello di calmarli.

I corpi dei giovani contenevano resti chimici di uno degli ingredienti primari dell'ayahuasca, una miscela nota per i suoi effetti allucinogeni. Il team dello studio, analizzando i resti mummificati dei corpi, ha trovato tracce di armina e armalina, prodotti chimici delle viti di Banisteriopsis caapi, una sostanza che amplifica la forza di altri ingredienti più allucinogeni.

Secondo un altro studio, inoltre, le soluzioni contenenti armina influiscono il cervello proprio come fanno alcuni farmaci antidepressivi. L'archeologa Christine VanPool dell'Università del Missouri, Columbia, pensa che sia possibile che l'ingrediente sia stato usato di proposito per calmare le vittime di un sacrificio. "Dico provvisoriamente di sì, gli Inca usavano il B. caapi per ridurre l'ansia nelle vittime sacrificali".

Gli esperti, inoltre, hanno affermato che i bambini potrebbero aver masticato anche piante di coca nelle settimane precedenti la loro morte. Gli Inca credevano che dopo la morte i bambini e le donne diventassero inviati di varie divinità locali, altre volte invece li sacrificavano agli dei durante o dopo eventi importanti, come la morte dell'imperatore, o durante una carestia.

Quanto è interessante?
8