Grazie a delle ossa è stato possibile scoprire gli utensili da cucina usati nel Medioevo

Grazie a delle ossa è stato possibile scoprire gli utensili da cucina usati nel Medioevo
di

Quali materiali ha utilizzato l'uomo per cucinare nel corso della storia? Un nuovo studio fa luce sull'uso di questi oggetti nel Medioevo. Un team di scienziati, nel dettaglio, ha analizzato le ossa di 553 scheletri vecchi tra i 1200 e 200 anni. I resti ci mostrano il consumo di minuscole porzioni di rame per tutta la vita.

Una possibilità è che le pentole di rame, utilizzate in cucina, siano state raschiate da coltelli di metallo, rilasciando particelle di rame che sono poi state ingerite con il cibo. Apparentemente, l'assunzione di questo metallo non è mai stata così grande da diventare tossica, ma gli esperti non possono affermare ciò con estrema certezza.

L'uso di pentole di rame era evidente nelle città di Ribe, Horsens, Haderslev e Schleswig. Non venivano utilizzate molto spesso, invece, in campagna. Le città erano comunità dinamiche e le case dei ricchi potevano acquistare articoli in rame. 208 degli scheletri provengono da un cimitero a Ribe, coprendo un periodo di 1000 anni dall'800 d.C. al 1800 dopo Cristo.

Questi scheletri ci mostrano che c'è stata una continua esposizione al rame durante tutto il periodo. L'elemento può essere rintracciato nelle ossa se ingerito. Il rame è necessario, inoltre, per il funzionamento del corpo ed è, tra le altre cose, coinvolto in una serie di processi metabolici, come la funzione del sistema immunitario.

Il bisogno di rame solitamente viene soddisfatto attraverso il cibo che mangiamo. Tuttavia, in questi scheletri - che provengono tutti da nove cimiteri abbandonati nello Jutland, in Danimarca e nella Germania settentrionale - contengono alte concentrazioni di rame. In questo modo gli esperti sono riusciti ad avere una finestra sugli utensili da cucina utilizzati in questo periodo.

Quanto è interessante?
3