Il passaggio da Windows 7 a 10 procede a rilento in ambito aziendale

Il passaggio da Windows 7 a 10 procede a rilento in ambito aziendale
di

Secondo un sondaggio della società di sicurezza 1E, sono sempre più le aziende che stanno aggiornando i propri sistemi a Windows 10. Tuttavia, nonostante ciò il ritmo sarebbe ancora lento rispetto a quanto previsto, soprattutto se si conta che la fine del supporto a Seven è ormai dietro l'angolo.

Nel rapporto si legge che circa due terzi dei PC aziendali sono già passati a Windows 10, una cifra abbastanza uniforme in una vasta gamma di settori e paesi. I dati arrivano a sei mesi dall'interruzione della compatibilità a Windows 7, che si tradurrà nell'assenza di aggiornamenti di sicurezza e patch, a meno che le aziende non decidano di pagare un canone per tenere sicuri i sistemi e rinviare lo switch a Ten.

Gli stessi ricercatori si soffermano su alcuni settori in cui il tasso di aggiornamento starebbe procedendo a rilento, a causa di vari ostacoli soprattutto di natura tecnica. Discorso diverso per il mercato energetico, in cui i passaggi a Windows 10 hanno raggiunto quota 92%, che non rappresenta una sorpresa dal momento che si tratta di settori in cui il lavoro da remoto è sempre stato centrale per controllare, ad esempio, le piattaforme petrolifere.

Gli amministratori di rete e sistemisti intervistati hanno anche affermato che in determinate circostanze sarebbe difficile aggiornare i PC in quanto in alcune aziende solo la metà dei dispositivi sarebbero connessi alla rete, il che rende difficile effettuare l'aggiornamento. Complessivamente il 32% degli endpoint ancora non avrebbero effettuato il passaggio a Windows 10.

FONTE: zdnet
Quanto è interessante?
6