di

Dopo un lungo periodo di silenzio SMACH Z, il PC portatile nato su Kickstarter nel lontano 2016 e resuscitato nel 2018 su Indiegogo, ha mostrato le nuove unità potenziate alla Gamescom 2019.

Il comunicato stampa della società recita: “Grazie alla stretta collaborazione con il team AMD, SMACH Z ha migliorato le prestazioni con la versione più potente della famiglia di processori V1000, il SoC AMD Ryzen V1807B con grafica integrata AMD Radeon Vega 11, fino ad un massimo di 32 Gb di ram e SSD da 480 Gb”.

La nuova CPU ha 11 core ed una frequenza di clock più elevata rispetto alla versione V1605B (precedentemente scelta), passando da 2 GHz ai 3,35 GHz dell’attuale. Grazie a questo upgrade lo SMACH Z riesce ad eseguire i titoli AAA con una fluidità maggiore, rendendo di fatto godibili i giochi pensati per PC.

Il PC portatile non ha ancora una data di uscita ufficiale ma da quanto si è visto alla Gamescom la release dovrebbe essere vicina. Sul sito ufficiale è possibile ordinare SMACH Z da tempo, personalizzando ram, memoria di archiviazione, sistema operativo (Windows o Linux) e colore.

Ricordiamo che SMACH Z persegue l’obiettivo ambizioso di portare tutti i contenuti videoludici per PC in portabilità, permettendo l’accesso diretto a Steam, Origin e GOG. Inoltre, con questo device è possibile lavorare su Excel, navigare, guardare film. È compatibile con tastiera e mouse e può essere collegato ad un monitor esterno, diventando a tutti gli effetti un PC desktop.

La batteria dovrebbe durare tra le 2 e le 5 ore, con tempi di ricarica previsti in 45 minuti. Le premesse per avere un prodotto funzionale ci sono tutte. Conoscendo la rapida evoluzione dell’hardware da gaming, rimane da capire quanto un dispositivo del genere possa essere longevo.

FONTE: wccftech
Quanto è interessante?
3