Il peggior pericolo per gli astronauti su Marte? Le radiazioni mortali

Il peggior pericolo per gli astronauti su Marte? Le radiazioni mortali
di

Marte sembra essere all'interno dei pensieri di tutte le agenzie spaziali: da quella americana a quella cinese, e perfino dei privati come SpaceX. Senza alcun dubbio, il pericolo più grande dello sbarco sul pianeta è principalmente uno: le radiazioni.

Siamo circondati dalle radiazioni, anche il cibo che mangiamo è radioattivo, ma la quantità a cui siamo esposti su base regolare è così bassa che il nostro corpo riesce tranquillamente a far "finta di nulla". Fortunatamente, noi esseri umani siamo protetti dalla nostra bella Terra grazie all'atmosfera e la magnetosfera, che respingono le "onde cattive" dal nostro pianeta provenienti dal Sole.

Sul Pianeta Rosso, però, le radiazioni solari sono 700 volte più alte di quelle presenti sul nostro pianeta, cosa che annienterebbe la quasi totalità della vita del nostro mondo. Come potrebbero sopravvivere gli astronauti? La NASA sta già iniziando a studiare il Sole, con delle missioni che potrebbero aiutare con la progettazione e la tempistica delle missioni su Marte in base ai cicli di attività della stella.

"Avremo bisogno di alcuni nuovi materiali che siano molto più efficienti per proteggere queste radiazioni [...] ma niente che potremmo usare oggi per mandare in sicurezza le persone sul Pianeta Rosso e ritorno", afferma durante un discorso Tory Bruno, CEO della compagnia di lancio spaziale United Launch Alliance.

Insomma, gli scienziati stanno cercando dei metodi per evitare queste radiazione, in primis quelle a cui saranno esposti gli astronauti durante il viaggio verso il pianeta. Riusciranno a trovare una soluzione? Il 2033 (l'anno in cui gli USA vorrebbero sbarcare sua Marte) è ancora - relativamente - lontano. Staremo a vedere.

FONTE: space.com
Quanto è interessante?
3