Si pensava che questo fosse un cavallo dell'era glaciale, ma si sbagliavano

Si pensava che questo fosse un cavallo dell'era glaciale, ma si sbagliavano
di

A Lehi, nello Utah, nel 2018 vennero trovate delle ossa di un cavallo femmina. Inizialmente si pensava che le ossa avessero 16.000 anni e risalissero all'ultima era glaciale... ma la realtà è molto diversa. Le ossa, infatti, non hanno più di 340 anni, secondo un nuovo studio.

Dopo aver analizzato i resti del cavallo, gli scienziati si sono resi conto che la bestia con gli zoccoli era in realtà un cavallo domestico vissuto molto più di recente. Le nuove scoperte suggeriscono che questo cavallo, morto quando aveva 12 anni, era domestico, risalente al periodo post-colombiano, dopo che gli spagnoli introdussero nelle Americhe il cavallo domestico (Equus caballus) a partire dal XVI secolo.

Questa giumenta, chiamata Lehi, è stata probabilmente allevata, curata e cavalcata da popolazioni indigene che vivevano in quello che ora è lo Utah, forse da un membro delle comunità Ute o Shoshone. Perché allora inizialmente i resti della cavalla sono stati datati a 16.000 anni fa? Perché gli indigeni seppellirono la creature in una fossa circondata da sedimenti lacustri risalenti a 14.000-16.000 anni fa.

Poiché il campione al radiocarbonio non ha dato un risultato esatto, "possiamo solo dire che questo cavallo morì qualche tempo dopo il 1680", probabilmente prima che i coloni europei si trasferissero definitivamente nella regione del Lago Salato durante la metà del 19° secolo, secondo quanto affermato da William Taylor, assistente professore di antropologia presso l'Università del Colorado.

Quanto è interessante?
5
Si pensava che questo fosse un cavallo dell'era glaciale, ma si sbagliavano