Ecco perché consideriamo alcune persone inquietanti, secondo la scienza

Ecco perché consideriamo alcune persone inquietanti, secondo la scienza
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Cos'è che ci fa pensare o credere che alcune persone siano inquietanti? La scienza è interessata a rispondere alla domanda, ma si tratta di un argomento relativamente nuovo, poiché il primo studio sulla questione venne pubblicato solo nel 2016 sulla rivista New Ideas in Psychology.

Gli autori dello studio cercarono di individuare la fonte di inquietudine, ovvero i segnali che utilizziamo per etichettare qualcuno come "inquietante" e identificare gli elementi alla base di questa nostra scelta. In particolare, sono state le caratteristiche e i comportamenti non verbali che associamo all'imprevedibilità a farci credere che qualcuno sia inquietante.

Nello specifico, gli autori dello studio hanno intervistato 1.341 persone (1.029 femmine e 312 maschi). Nella prima parte dello studio, ai partecipanti è stato chiesto di immaginare che un amico di cui si fidavano stesse raccontando loro di un incontro con qualcuno che hanno descritto come "inquietante"; nel racconto sono state fornite 44 affermazioni sul comportamento e sulle caratteristiche fisiche in questione.

In generale, gli uomini erano considerati molto più inquietanti delle donne. In particolare, le dichiarazioni più votate per essere considerati inquietante sono state "un amico toccato frequentemente" e "parlare di sesso molte volte durante una conversazione". È comprensibile come tali comportamenti possano facilmente mettere a disagio qualcuno.

Non solo: c'erano anche altre caratteristiche che sono state valutate, come ad esempio avere una malattia mentale, essere alti, essere troppo magri e avere gli occhi sporgenti. Nella seconda parte di uno studio, sono state esaminate 21 professioni (con un livello da 1 a 5). Quelle più inquietanti sono risultate essere: clown, tassidermista, proprietario di un sexy shop e proprietario di un'agenzia di pompe funebri.

"Tutto ciò che abbiamo trovato in questo studio è coerente con l'idea che la percezione di inquietudine è una risposta all'ambiguità della minaccia", hanno concluso gli autori nel loro articolo. "I risultati sono coerenti con l'ipotesi che essere 'spaventati' è una risposta emotiva adattiva evoluta all'ambiguità sulla presenza di minacce, che ci consente di mantenere la vigilanza durante i periodi di incertezza".

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
2