Perché creare le "Space Force" se nessuno vuole la guerra nello Spazio?

Perché creare le 'Space Force' se nessuno vuole la guerra nello Spazio?
di

Nel dicembre 2019 è stata istituita la forza armata dell’astronautica statunitense, la United States Space Force (USSF). Sebbene non sia stata creata dal nulla, né tanto meno è stata la prima del suo genere, il suo avvento ha suscitato parecchie domande e curiosità, soprattutto perché nessuno vuole una guerra spaziale.

Progetti simili son esistiti fin dal 1962 sul suolo americano, e la USSF non è che un ammodernamento delle vecchie istituzioni e protocolli di difesa astronautica, resa poi – grazie al “national defense Act” di Trump – una forza militare indipendente a tutti gli effetti. Paesi affermati nel campo spaziale come la Russia e la Cina, son già dotati di organi esecutivi prettamente specializzati nella “difesa dello spazio e della sua cybersecurity”.

Ma lo scopo pratico di queste “Space Force”, qual è? Nessuno si augura mai di vedere una guerra oltre i confini del nostro pianeta (in realtà ci auguriamo di non vederne mai da nessuna parte). Son davvero necessarie? O sono più un apparato di facciata giusto per “intimorire” e affermare la propria potenza?

Di recente son state poste queste domande e abbiamo ottenuto diversi pareri interessanti: durante il secondo Summit per la sostenibilità spaziale, un evento online ospitato dalla Secure World Foundation, si è appreso come non solo le Space Force siano utili, ma che molte altre – di paesi come Canada e Giappone – presto verranno create.

Il parere del General Maggiore John Shaw, a capo delle operazioni della USSF, è stato il seguente: “È come domandarsi perché le nazioni oceaniche o marittime abbiano voluto una Marina. Vogliono proteggere quel dominio per tutte le proprie libere attività, e scoraggiare le minacce in quel dominio. Nessuno auspica per una guerra”.

Sebbene il parere del general maggior possa sembrare una giustifica per lo più “di immagine”, solo per scongiurare eventuali mal intenzionati, in realtà ha aggiunto anche di quanto le Space Force siano utili per la sicurezza delle nostre vite e dei nostri servizi tecnologici. John Shaw ha preso come esempio l’enorme flusso di satelliti immessi negli ultimi anni in orbita bassa:

SpaceX nel corso degli ultimi due anni ha lanciato più di 700 satelliti e, nei prossimi due, punta ad arrivare almeno al triplo; Amazon dal canto suo è pronta a lanciarne altri 3200 per la rete Kuiper. Ora, loro hanno già le dovute approvazioni, ma cosa succederà quando molte aziende, private o meno si lanceranno sempre più insistentemente nel campo satellitare? Le Space Force vuole garantire che siano realizzati con un design responsabile in modo che non diventino un pericolo per la navigazione.”

Anche altre figure di spicco delle agenzie spaziali si son espresse in proposito, ricordando come sia necessario la presenza di una o più organizzazioni che possano garantire la cybersecurity satellitare: attacchi informatici, tentativi di spionaggio e lanci missilistici sono minacce concrete e reali che ogni giorno vengono sventate o prevenute grazie al lavoro delle Space Force.

Lo spazio è un terreno che permetterà una grande espansione dell’umanità ma va fatta in maniera responsabile e oculata. Se le forze armate spaziali potranno scongiurare – anche solo con il nome – possibili sciagure in orbita, allora vale la pena averne il più possibile, soprattutto se coalizzate tra di loro.
Di recente molti son stati fatti i tentavi per incentivare l'economia "extra-mondo", e anche la NASA ha dato un annuncio importante: rocce e campioni lunari sono in vendita.

FONTE: SPACE.COM
Quanto è interessante?
5
Perché creare le 'Space Force' se nessuno vuole la guerra nello Spazio?