Perché l'epidemia di influenza spagnola del 1918 fu così mortale?

Perché l'epidemia di influenza spagnola del 1918 fu così mortale?
di

Si pensa che la pandemia di influenza spagnola abbia spazzato via oltre 50 milioni di persone, con alcune stime che arrivano fino a 100 milioni, molto più del numero di morti osservate durante la Prima Guerra Mondiale, che si era appena conclusa nel 1918. Cosa rese questa malattia così aggressiva, diffusa e mortale?

L'epidemia fu causata da un ceppo di virus dell'influenza A sottotipo H1N1. Da allora sono apparse altre versioni di H1N1, in particolare la cosiddetta epidemia di "influenza suina" del 2009. Il suo nome non deriva dal luogo di nascita: a differenza di molte altre potenze europee dell'epoca, la Spagna rimase neutrale durante la prima guerra mondiale, il che significa che i media spagnoli non furono soggetti alla censura in tempo di guerra e liberi di riferire in dettaglio sull'epidemia. Ciò diede l'impressione che l'epidemia fosse più diffusa lì, ma molto probabilmente ebbe origine altrove.

Come si diffuse il virus? La prima guerra mondiale aveva appena visto il movimento diffuso di un gran numero di truppe in tutto il mondo. Insieme a questo, l'inizio del 20° secolo ha sperimentato una tendenza più ampia di aumento dei viaggi intercontinentali e della globalizzazione. Gli abitanti del pianeta stavano entrando in crescente contatto tra loro. Inoltre, non c'erano vaccini per aiutare a prevenire l'infezione influenzale né antibiotici per aiutare a curare infezioni secondarie come la polmonite.

Un importante studio del 2014 condotto dal professor Michael Worobey ha scoperto che il virus dell'influenza H1 era entrato nella popolazione umana solo 10 o 15 anni prima del 1918. Poi, all'improvviso, è successo qualcosa di grosso. Intorno all'autunno 1918, sembra che il virus sia riuscito a raccogliere materiale genetico da un virus dell'influenza aviaria. Altri ricercatori hanno suggerito che questo, insieme ad altre mutazioni, "abbia migliorato la sua capacità di legare i recettori delle vie aeree umane, presumibilmente guadagnando la trasmissibilità". Qualcosa, sebbene gli scienziati non siano ancora sicuri, rese ancora più potente, aggressivo e agile il virus.

Le morti furono spaventosamente rapide, con molte persone che si ammalavano e morivano entro uno o due giorni. L'età media di coloro che sono morti durante la pandemia era di soli 28 anni: l'influenza spagnola, infatti, colpì profondamente i giovani adulti di età compresa tra i 20 e i 40 anni. Sebbene non sia chiaro il motivo per cui i giovani e i sani siano stati colpiti così duramente, è molto probabile che abbia a che fare con i ceppi di influenza incontrati da bambini quando il loro sistema immunitario si stava rafforzando.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
4