Ecco perché molte immagini satellitari di Israele e Palestina sono sfocate

Ecco perché molte immagini satellitari di Israele e Palestina sono sfocate
di

La moda di andare ad esplorare il mondo su Google Earth è finita ormai da un pezzo, anche se Google ha recentemente aggiunto una funzionalità davvero spettacolare per il suo software. Tuttavia, se ultimamente aveste provato ad esplorare virtualmente le l'Israele e la Palestina, avrete sicuramente notato qualche stranezza: le immagini sono sfocate.

"So che questo è l'ultimo dei problemi in corso a Gaza ora, ma è assurdo che Google (e Bing, e persino Yandex) si rifiutino di fornire immagini satellitari per alcuni dei luoghi più densamente popolati della terra", afferma Aric Toler dal sito web di giornalismo investigativo Bellingcat. "L'immagine più recente di Google Earth è del 2016 e sembra spazzatura".

La scarsità di immagini satellitari ad alta risoluzione di Israele e Palestina non è un mistero, ma il risultato di una legge degli Stati Uniti. Si chiama Kyl-Bingaman Amendment (KBA), messo in vigore nel 1997, e proibisce il rilascio di immagini satellitari dettagliate di Israele da parte delle agenzie statunitensi.

La diffusione di immagini è possibile, ma solo a condizione che queste immagini non fossero più dettagliate o precise delle immagini satellitari di Israele disponibili da fonti commerciali. In altre parole, alle aziende statunitensi non è permesso raccogliere e distribuire immagini di Israele e Palestina. Il motivo della nascita di tale emendamento non è mai stato diffuso.

Il divieto del KBA è stato revocato nel luglio 2020, ma molte delle immagini satellitari ampiamente disponibili della regione rimangono ancora di qualità relativamente bassa.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
2