Perché molte statue antiche non hanno più il naso?

Perché molte statue antiche non hanno più il naso?
di

Una delle cose che manca molto spesso alle statue è il naso (sì, avete fatto benissimo a pensare subito alla Sfinge), ma per quale assurdo motivo? Molto spesso potreste pensare che queste parti siano state volontariamente rimosse come atto di vandalismo, ma non è assolutamente così, almeno la maggior parte delle volte.

Il naso delle statue è semplicemente la prima parte che viene "limata" dalle influenze del tempo. Con il passare dei secoli (o dei millenni), l'usura inizia a farsi sentire anche nelle stature, di marmo o di pietra che siano. Le parti più sporgenti di una scultura, come nasi, mani, braccia e perfino teste, sono le prime a scomparire (ecco a voi, invece, un'inquietante statua più antica delle Piramidi).

Le sculture greche che oggi vediamo, ad esempio, sono soltanto una parte del loro antico splendore. Una testimonianza è data dall'Afrodite di Melos, chiamata anche Venere di Milo, scolpita da Alessandro di Antiochia verso la fine del secondo secolo dopo Cristo, e che notoriamente è conosciuta dal pubblico senza braccia (come potrete vedere in calce alla notizia).

Fu il tempo, e non i vandali, a far cadere gli arti alla statua; stesso discorso può essere fatto con il naso della Sfinge d'Egitto (a proposito, ecco alcune curiosità sulla Grande Sfinge). Alle volte, però, può anche essere opera dai vandali: come nel caso della testa di marmo greca - risalente del I secolo d.C. - della dea Afrodite scoperta nell'Agorà ateniese che aveva sulla sua fronte una piccola croce scolpita.

Gli esperti pensano che sia stata deliberatamente vandalizzata dai cristiani, che vedevano nella statua un simbolo pagano.

Quanto è interessante?
2
Perché molte statue antiche non hanno più il naso?