Perché la musica ci evoca dei ricordi? La risposta è nella nostra memoria

Perché la musica ci evoca dei ricordi? La risposta è nella nostra memoria
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Vi è mai capitato di riprodurre una canzone dal vostro smartphone e, improvvisamente, di essere travolti da uno tsunami di ricordi legati alla melodia ascoltata? La musica, infatti, evoca forti emozioni, ma perché succede questo?

Innanzitutto bisogna spiegare che la memoria a lungo termine può essere divisa in due "categorie": la memoria implicita e la memoria esplicita. La seconda è un ricordo deliberato e consapevole del passato e coinvolge cose come l'apprendimento dei libri di testo o i ricordi legati alle esperienze. I ricordi impliciti, invece, sono i nostri ricordi inconsci e automatici, come il cantare una canzone dopo aver sentito le prime parole (a proposito, ecco quali sono le migliori canzoni per addormentarsi).

La memoria esplicita si tende a dimenticare in assenza di un richiamo, mentre la memoria implicita può durare una vita anche in assenza di pratica; motivo per cui, ad esempio, vi ricordate a memoria le canzoni della vostra infanzia, ma avete dimenticato dopo un mese le 50 pagine che avete dato durante l'esame. La memoria implicita, quindi, può essere "risvegliata" anche grazie a una semplice canzone, soprattutto se quest'ultima è collegato a un ricordo di gioia o molto emozionante.

I ricordi stimolati dalla musica spesso provengono da certi momenti della nostra vita, soprattutto del periodo che va dai 10 ai 30 anni. Il motivo è semplice: l'adolescenza e i vent'anni sono i periodi della vita in cui si inizia a "conoscere il mondo" e si fanno le prime esperienze, oltre ad essere il periodo in cui iniziano a formarsi i nostri gusti musicali.

La musica, attraverso i meccanismi di memoria della memoria implicita, può essere ricordata anche dai malati di demenza, come negli anziani con la malattia di Alzheimer.

Quanto è interessante?
1