Ecco perché quando abbassiamo il finestrino alla guida sentiamo quel fastidioso rumore

Ecco perché quando abbassiamo il finestrino alla guida sentiamo quel fastidioso rumore
di

Avete mai abbassato il finestrino della vostra auto mentre viaggiavate a una certa velocità, solo per essere accolti da un fastidioso e incessante battito d'aria? Questo fenomeno, comune ma spesso frainteso, ha una spiegazione scientifica affascinante che risiede nella dinamica dei fluidi e nella fisica del suono.

Quando apri un finestrino, l'aria esterna entra in collisione con l'ambiente controllato dell'abitacolo dell'auto, creando una serie di onde di pressione. Queste si scontrano con le pareti interne del veicolo, generando una vibrazione che percepiamo come un battito o un pulsare.

Questo effetto è noto come risonanza Helmholtz, dal nome dello scienziato che per primo lo studiò, e si verifica quando un flusso d'aria passa attraverso un'apertura stretta in uno spazio più ampio, come l'abitacolo di un'auto. La frequenza di questo battito dipende dalla velocità del veicolo, dalla dimensione dell'apertura del finestrino e dalle dimensioni dell'abitacolo stesso.

È Interessante notare che aprire più finestrini può attenuare l'effetto, permettendo all'aria di circolare più liberamente e riducendo la formazione di queste onde di pressione. La prossima volta che vi troverete a combattere con questo fastidioso fenomeno, ricordate che non è altro che un interessante esempio di come la fisica si manifesti nella vita quotidiana (lo sapete che anche i miraggi sono un effetto della fisica?).

Insomma, non è fantascienza... ma scienza!