Perché le sezioni del telescopio Webb sono tutte esagonali? Ecco l'affascinante risposta

Perché le sezioni del telescopio Webb sono tutte esagonali? Ecco l'affascinante risposta
di

In questi ultimi giorni stiamo parlando moltissimi del James Webb Space Telescope (JWST) e della sua missione, che potrebbe rivoluzionare il mondo di vedere e comprendere l'universo. Una domanda ricorre molto frequentemente: come mai le sue sezioni sono esagonali e non di altra forma? Scopriamolo insieme.

In queste ore, e fino ai prossimi mesi, la NASA, la CSA e l'ESA saranno impegnate nel allineare correttamente le 18 sezioni dorate che compongono lo specchio primario del telescopio più potente del mondo. Come lo farà? Qui scoprirete come verranno allineate le sezioni del JWST.

Queste sezioni però hanno una forma particolare, ovvero sono tutte esagonali. Come mai è stato scelta proprio l'esagono e non magari strutture circolari o ottagonali (esempio causale)? Come potrete immaginare, la risposta non è lasciata al caso, ma anzi c'è una motivazione ben precisa e proprio la NASA (e la Scienza) hanno risposto esaurientemente a questo quesito.

Per prima cosa, c'è da dire che l'esagono è - per definizione - etichettata come una forma "ad alto fattore di riempimento e di simmetria". Questo vuol dire che i segmenti esagonali, di qualunque natura siano, tengono ad incastrarsi molto più facilmente di qualunque altro e possono essere collegati per grandi dimensione rimanendo abbastanza coesi da creare un'ideale pezzo unico.

Se i segmenti del Webb fossero stati circolari, sarebbero rimasti inevitabilmente degli spazi tra loro. Altro fattore da non tralasciare è che - nella costruzione del JWST - si è dovuto tenere conto della diversa disposizione di queste sezioni. Avendole create esagonali, è bastato limitarsi a solo tre diverse tipologie ottiche (come vedete nell'immagine in calce alla news), il che ha concesso anche un bel risparmio nella produzione dello specchio.

Il fine ultimo delle sezioni esagonali è arrivare a creare approssimativamente una forma ovale di uno specchio (come nei comuni telescopi muniti di Specchi primari) capace di convergere tutta la luce in un punto piccolissimo e ben definito. Se le sezioni fossero state quadrate o circolari a loro volta, la disposizione della luce non sarebbe stata altrettanto efficace.

Del resto, non è la prima volta che l'esagono gioca un ruolo chiave nell'Universo: pensiamo alle molecole "aromatiche", composte da anelli esagonali (il cosiddetto Benzene) o a tutte le strutture base dei composti steroidei costituite dalle strutture a nido d'ape come l'antracene, il fenantrene, il ciclopentanoperidrofenantrene (e cosi via). La loro forma permette una stabilità eccezionale (dovuta però anche a diverse motivazioni di energia di legame).

Insomma, l'esagono è da sempre una struttura eccezionale, tanto che spesso in inglese si usa la frase "Hexagons are the Bestagons". Non c'era soluzione migliore da adottare sul telescopio che probabilmente aprirà nuovi orizzonti sulla nostra conoscenza dell'Universo.

FONTE: JWST NASA
Quanto è interessante?
5
Perché le sezioni del telescopio Webb sono tutte esagonali? Ecco l'affascinante risposta