Perché le stelle nelle foto del James Webb hanno sempre 8 punte?

Perché le stelle nelle foto del James Webb hanno sempre 8 punte?
di

Le immagini catturate dal James Webb Space Telescope (JWST) sono senza dubbio affascinanti, rivelando l'universo infrarosso con una risoluzione mai vista prima. Ma c'è un dettaglio che salta all'occhio: le stelle, specialmente quelle più luminose, sembrano avere delle "punte", sei principali e due secondari.

Questo effetto particolare è diventato così distintivo che basta un'occhiata per riconoscere che l'immagine proviene dal JWST. Da cosa nasce questo fenomeno? La risposta risiede nella struttura stessa del telescopio. I moderni osservatori astronomici non utilizzano più lenti per ingrandire le distanti meraviglie del cosmo, ma specchi.

La luce viene prima riflessa dallo specchio primario e poi su uno secondario. Quest'ultimo, posizionato davanti al primario, è sostenuto da tre montanti che causano un fenomeno noto come diffrazione. Ogni montante produce due "spikes" a 90 gradi dal montante stesso, per un totale di sei. Ma, come abbiamo detto, le immagini mostrano otto spikes. Ecco il motivo: il JWST ha uno specchio primario segmentato composto da 18 pezzi esagonali che creano ulteriori caratteristiche di diffrazione.

La forma degli specchi contribuisce in modo significativo alla formazione di queste punte. Tuttavia, il team dietro al JWST è stato abbastanza astuto da allineare quattro degli spikes dello specchio con quattro degli spikes dei montanti, risultando in otto visibili. Questo intricato gioco di luce e struttura è solo una delle molte meraviglie che il JWST ha da offrire, e non vediamo l'ora di scoprire quali altre sorprese ci riserverà in futuro.