Perché il vaccino di Pfizer deve essere tenuto al freddo?

Perché il vaccino di Pfizer deve essere tenuto al freddo?
di

Riguardo al nuovo vaccino Pfizer, sta rimbalzando ovunque la notizia dell'enorme sfida nella distribuzione a causa delle temperature proibitive in cui deve essere conservato: - 70 °C. Per quale motivo?

Partiamo col dire che la maggior parte dei vaccini in commercio non richiede questa tecnica di conservazione. Tuttavia quello di Pfizer è un nuovo tipo, che utilizza le basse temperature per evitare che diventi inutile. Il vaccino, infatti, è basato sull'RNA messaggero, o mRNA. In poche parole, il vaccino trasporta alle cellule umane le istruzioni per costruire copie della proteina spike del coronavirus.

Successivamente le cellule umane leggono quelle istruzioni e producono copie della proteina, che a sua volta innesca il sistema immunitario ad attaccare il coronavirus, qualora dovesse penetrare all'interno dell'organismo. Oltre a Pfizer, anche Moderna, un'azienda statunitense di biotecnologie, utilizza un vaccino a mRNA, ma non viene conservato a temperature così estreme, poiché bastano "solo" -20 °C.

Come mai devono essere conservati al freddo? Principalmente per un motivo: l'RNA è una molecola molto poco stabile. Inoltre, gli esperti hanno dovuto aggiungere alcuni "pezzi" per rendere la molecola stabile e leggibile nelle cellule umane; modifiche che rendono meno stabile del normale l'RNA. Il freddo, quindi, impedisce lo svolgersi di quei processi che potrebbero - semplicemente - rendere inutilizzabile il vaccino. Come mai questa differenza di temperatura tra Pfizer e Moderna? A causa dei metodi che hanno utilizzato le due case farmaceutiche per la creazione del vaccino.

Tuttavia c'è un grande problema: non tutti i paesi posseggono infrastrutture specializzate per ricevere sostanze a così basse temperature... ma questo è un altro discorso.

Quanto è interessante?
1