Perché le zebre hanno le strisce? Sono più utili di quanto pensassimo

Perché le zebre hanno le strisce? Sono più utili di quanto pensassimo
di

Perché le zebre hanno le strisce? Questi famosi quadrupedi sono diventati estremamente famosi proprio a causa dei colori del loro manto e il motivo per cui sono bianche e nere non è tanto scontato.

La zebra appartiene alla famiglia degli equidi ma, rispetto alle altre specie della famiglia, la colorazione del suo manto la rende particolare, se non proprio unica nel suo genere. E sicuramente la prima caratteristica che salta agli occhi in questi animali riguarda le loro striature bianche e nere che attraversano l’intero corpo. Ma al di là dell’aspetto puramente estetico, che rende questi animali tanto affascinanti, perché le zebre sono a strisce bianche e nere? Grazie ad uno studio dell’Università di St. Andrew gli scienziati hanno dimostrato che le strisce bianche e nere rendevano questi animali più protetti dalle punture, per esempio, dei tafani o delle mosche tse-tse. Per dimostrarlo hanno fatto indossare a dei cavalli degli abiti che riproducevano il motivo a strisce delle zebre.

Ebbene, i fastidiosi insetti succhia-sangue si posavano in numero inferiore sulle zebre e sui cavalli con l’abito a strisce bianche e nere rispetto ai cavalli che non avevano l’abito, nonostante intorno ad ogni individuo ronzassero lo stesso numero di questi insetti. E’ come se, ci spiegano gli scienziati, il motivo a strisce rendesse più difficile atterrare per questi insetti volanti. Tuttavia, questa non sembra l’unica ragione. Sembra, infatti, che la colorazione bianca e nera aiuti la zebra a mantenere un’ottima termoregolazione durante le calde giornate africane.

In uno studio pubblicato nel Journal of Natural History sembra che, durante le ore più calde delle giornate africane, le strisce nere abbiano una temperatura maggiore di 12-15 gradi rispetto alle zone con le strisce bianche. Questa differenza di temperatura tra le parti colorate di nero e quelle di bianco fa sì che si crei una piccola turbolenza di aria locale che favorisce l’evaporazione del sudore e, in questo modo, consente di far abbassare la temperatura corporea dell’animale.