Perdita in mare del gasdotto Nord Stream causerà un possibile disastro ambientale?

Perdita in mare del gasdotto Nord Stream causerà un possibile disastro ambientale?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Hanno fatto notizia (e anche scalpore) le perdite confermate del Nord Stream - condotto che trasporta il gas proveniente dalla Russia in Europa occidentale - al largo del Mar Baltico. Secondo quanto riportato, il gasdotto sarebbe stato danneggiato da alcune esplosioni nella zona e gli esperti temono che possa causare una catastrofe ambientale.

"Dato che, in vent'anni, una tonnellata di metano ha un impatto sul clima più di 80 volte superiore a quello della CO2, il potenziale per un evento di emissione massiccio e altamente dannoso è molto preoccupante", ha affermato David McCabe, scienziato senior della Clean Air Task Force. "Ci sono una serie di incertezze ma, se questi gasdotti falliscono, l'impatto sul clima sarà disastroso."

I sismologi hanno rilevato esplosioni sottomarine vicino alle linee, che corrono in profondità nel Baltico tra Svezia e Danimarca, ma non hanno potuto confermare se fossero collegate alle perdite. Così come riportato, nessuno dei gasdotti interessati era in funzione, ma si ritiene che contenessero molto gas pressurizzato.

Gli scienziati dovranno lavorare per capire quanto sarà grave la perdita. Nel mare, infatti, è stata fin da subito notata una zona che sembrava "ribollire" a causa del gas che stava fuoriuscendo e che aveva oltre un chilometro di diametro. Le preoccupazioni riguardano soprattutto i danni ambientali dovuti alla fuoriuscita di metano, gas serra molto più impattante della CO2 nell'atmosfera (come il protossido di azoto, 265 volte più potente dell'anidride carbonica).

FONTE: bloomberg
Quanto è interessante?
1