Questa pianta inietta veleno simile a quello di uno scorpione: il dolore può durare giorni

Questa pianta inietta veleno simile a quello di uno scorpione: il dolore può durare giorni
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L'Australia ospita sicuramente delle creature davvero terrificanti... e perfino le piante si devpno temere. Esistono degli alberi pericolosi che possono iniettare sostanze chimiche molto simili a quelle che si trovano nelle punture di scorpioni, ragni e lumache velenose.

Questo albero è chiamato gympie-gympie, nella lingua degli indigeni e Dendrocnide moroides in latino botanico. Un tocco - anche di una frazione di secondo - su un braccio da una foglia o da uno stelo è sufficiente per indurre dolore per ore o giorni. In alcuni casi è stato segnalato che il dolore dura per settimane.

All'inizio il tocco è doloroso come uno spillo infuocato, secondo gli sfortunati che hanno avuto il (dis)piacere di entrare in contatto con questa pianta, poi si attenua per ore in un dolore che ricorda di avere la parte del corpo colpita in mezzo a due pesi. La fase finale del processo è chiamata allodinia e si verifica per giorni dopo la puntura. Durante il processo anche innocui movimenti come fare la doccia o grattarsi la pelle colpita riaccendono il dolore.

In che modo queste piante causano dolore? Si scopre che hanno molto in comune con gli animali velenosi. La pianta è ricoperta da peli simili ad aghi chiamati tricomi, rinforzati con silice. Come le comuni ortiche, questi peli contengono sostanze nocive, ma non solo. Gli esperti hanno esaminato i peli e hanno scoperto che contengono una piccola famiglia di mini-proteine: i gimpietidi.

La struttura 3D di questi gimpietidi assomiglia alla forma delle tossine ben studiate dal veleno di ragno e delle lumache. In particolare, le gimpietidi interferiscono con un percorso importante per la conduzione di segnali di dolore nel corpo, chiamati canali del sodio voltaggio-dipendenti. I meccanismi precisi di questo funzionamento è attualmente sotto studio e, approfondendo questo aspetto, potremmo trovare nuovi metodi per tenere sotto controllo il dolore.

Quanto è interessante?
3