Su Plutone c'è qualcosa che non esiste in nessun altro luogo del Sistema Solare

Su Plutone c'è qualcosa che non esiste in nessun altro luogo del Sistema Solare
di

Il mondo più lontano del Sistema Solare è Plutone e, da quando è stato declassato a pianeta nano, ha suscitato una costante simpatia e un acceso dibattito riguardo la sua vera natura. Qualunque appellativo si voglia usare, è indubbio che nasconda caratteristiche uniche, come dimostra questo nuovo studio.

Per scoprire di più riguardo a Plutone, gli scienziati si sono affidati ad una delle sonde più rinomate della storia dell'esplorazione spaziale, New Horizons, che dal 2015 al 2016 è stata in grado di acquisire foto e dati strabilianti dal pianeta nano. Grazie a quelle informazioni, molti studi sono ancora in corso, e quello apparso di recente su Nature Communications sembra rivelare qualcosa di nuovo.

Sostanzialmente sembra che Plutone sia ricco di vulcani, ma non di quelli tipici che abbiamo anche qui sulla Terra, ma del tipo opposto: si tratta di una lunga schiera di criovulcani. Vulcani di ghiaccio che si vedono rarissimamente nel sistema solare, e questi di Plutone sono ancor più unici.

Sembra che questi criovulcani siano alti fino a 7000 mila metri ed eruttino non lava (ovviamente), ma una sorta di fanghiglia acquosa, composta per lo più da ammoniaca e metano. Questa "lava", appena raggiunge i primi strati di superficie di Plutone, si congela all'istante generando montagne sempre più ripide.

"Caratteristiche simili non esistono da nessun'altra parte nel sistema solare", scrive il team di ricercatori guidati dallo scienziato planetario Kelsi Singer, del Southwest Research Institute. "L'esistenza di queste caratteristiche suggerisce che la struttura interna e l'evoluzione di Plutone consentono una maggiore ritenzione di calore al suo interno, molto più di quanto immaginassimo".

Il primo accenno di criovulcanismo è stato rilevato sul pianeta nano già nel 2015, quando la sonda New Horizons effettuò il suo epico sorvolo dell'ex nono pianeta del nostro Sistema Solare. Nel corso degli anni sono stati scoperti altri criovulcani su altri corpi celesti, come quelli presenti su Cerere, su Titano e persino su Europa. Ma nessuno sembra possedere le caratteristiche eccezionali di quelli avvistati su Plutone.

Questa nuova scoperta suggerisce che, sebbene sia totalmente congelato, Plutone potrebbe essere tutt'altro che morto e inerte. E in effetti il minuscolo e distante pianeta nano ha ancora molto da insegnarci sul criovulcanismo.

Quanto è interessante?
8
Su Plutone c'è qualcosa che non esiste in nessun altro luogo del Sistema Solare