Plutone potrebbe avere un oceano antico e profondo

Plutone potrebbe avere un oceano antico e profondo
di

Una nuova analisi delle immagini provenienti dalla sonda New Horizons , ha reso sospettosi gli astronomi. Plutone potrebbe ospitare un oceano, molto antico e molto profondo, formatosi circa 4.5 miliardi di anni fa e avvolto dalla crosta rocciosa del pianeta.

Se questo fosse vero, allora le riserve di acqua potrebbero essere più comuni di quello che pensiamo nel sistema solare. Dovrebbe cambiare il modo in cui pensiamo alla fascia di Kuiper, una regione che ospita oggetti di ghiaccio oltre l'orbita di Nettuno.

Nel suo passaggio attraverso la fascia di Kuiper, New Horizons ha rilevato che Plutone potrebbe ospitare un oceano liquido sotto la superficie, nonostante la distanza di sei miliardi di kilometri dal Sole. La sonda della NASA è il veicolo che ha visitato l'oggetto più lontano nella storia dell'umanità.

Quanto liquido si trovi sotto la crosta? Da quanto tempo è lì? Quanta acqua è parzialmente congelata? A tutte queste domande è difficile rispondere dalla superficie.

L'ipotesi della presenza di un oceano era già stata avanzata nel 2019, ma con spiegazioni diverse rispetto a quelle che raccontiamo oggi.

"Se c'è un oceano, allora dobbiamo chiederci da quanto tempo è lì," afferma lo scienziato planetario Carver Bierson, dell'Università di Santa Cruz in California.

Bierson ha considerato due possibili scenari: una partenza fredda per Plutone, l'acqua si trovava in uno stato ghiacciato, prima di sciogliersi a causa del calore emanato dal nucleo radiattivo, in questo caso Bierson si aspetta di trovare crepe e increspature nella crosta di ghiaccio.

Nel secondo caso si ipotizza una partenza tiepida, in cui l'oceano è stato liquido per la maggior parte della vita del pianeta. In questo caso la superficie presenta soltanto delle crepe dovute all'espansione del mare quando è parzialmente ghiacciato. Questo è quello che gli astronomi hanno trovato nelle immagini di New Horizons, che li ha portati a credere che l'oceano sia antico quanto Plutone.

"Quindi Plutone potrebbe aver avuto una partenza tiepida," spiega Bierson. "Forse è partito con un oceano liquido che sopravvive ancora oggi."

In uno studio separato lo scienziato Adeene Denton, dell'università di Purdue, e i suoi colleghi hanno considerato l'impatto che ha formato Sputnik Planitia, il lobo sinistro del caratteristico bacino a forma di cuore di Plutone.

A causa del rapido passaggio di New Horizons le immagini sono parzialmente sfocate, ma gli astronomi sono stati in grado di vedere delle linee sulla superficie dal lato opposto rispetto a Sputnik Platinia. Queste tracce potrebbero essere le impronte dello shock termico causato dal terribile impatto che ha formato il bacino.

"Se l'impatto è stato largo abbastanza, il pianeta potrebbe essersi comportato come una lente e aver focalizzato l'energia dello shock sul punto opposto rispetto all'impatto.

La struttura interna del pianeta potrebbe aver controllato le onde dello shock, guardando alle tracce sul ghiaccio potremmo essere in grado di ottenere indizi sullo spessore dell'oceano o sulla composizione chimica del nucleo. Per questo motivo Denton e i suoi colleghi hanno effettuato delle simulazioni per comprendere la dinamica del fenomeno.

"Abbiamo ottenuto dei risultati interessanti," ha detto la ricercatrice. Per spiegare le linee osservate, non solo Plutone deve avere un oceano molto grande, con un profondità di 150 Km o più, ma il nucleo deve contenere minerali come il serpentino, che si forma grazie all'interazione tra le rocce e l'acqua.

"Non è una prova schiacciante," afferma Dento. "Ma è eccitante."

Quanto è interessante?
6