Polvere sulla ISS: si muove in modo particolare, secondo una ricerca

Polvere sulla ISS: si muove in modo particolare, secondo una ricerca
di

Gli scienziati del Centro per l'astrofisica, la fisica spaziale e la ricerca ingegneristica (CASPER), della Baylor University hanno notato che la disposizione del pulviscolo all'interno della ISS non è casuale.

La polvere in questione è composta da minuscole sfere dal diametro 10 volte più piccolo di quello di un capello umano. Questa polvere diventa elettricamente carica quando raccoglie gli elettroni presenti in un gas chiamato "plasma". In un laboratorio sulla Terra, la polvere elettricamente carica si allinea generalmente (se il suo moto non è impedito da qualche ostacolo) secondo la direzione che punta verso il centro della Terra, per opera della gravità.

Gli scienziati del Centro per l'astrofisica, la fisica spaziale e la ricerca ingegneristica (CASPER), della Baylor University, sono rimasti sorpresi dopo aver esaminato i dati di un esperimento simile ma condotto sulla Stazione Spaziale Internazionale, dove la gravità è più debole. Hanno notato un comportamento particolare: Anziché muoversi in direzioni casuali e "disordinate", la polvere si è mossa e disposta lungo una retta. "La gravità sulla Terra è almeno tanto forte quanto le forze elettriche che si instaurano tra i granelli di polvere: in microgravità ci aspettavamo che le particelle di polvere si disperdessero", commenta Truell Hyde, direttore del CASPER, che ha condotto lo studio. "Invece, abbiamo scoperto che le piccole forze tra le particelle di polvere e gli atomi nel plasma impongono un ordine sul sistema."

Il Dr. Hyde e il suo gruppo di ricerca stanno presentando le loro ricerche all'American Physical Society Division di Plasma Physics meeting a Portland, Oregon. Per quanto riguarda le modalità con cui è stato affrontato lo studio, Hyde si è avvalso dell'esperimento PK-4, abbreviazione di Plasma Kristall-4, che si occupa di ricerche nel campo di gas ionizzati e composizioni gassose a bassa temperatura, realizzato attraverso una partnership tra l'Agenzia spaziale europea (ESA) e l'Agenzia spaziale federale russa (Roscosmos). Questo tipo di studio è importante perché permette di scoprire fino a che punto l'interazione gravitazionale prevale su quella elettromagnetica e, viceversa, fino a quale ordine di grandezza le interazioni atomiche prevalgono rispetto a quelle gravitazionali.

FONTE: Phys
Quanto è interessante?
12

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!