Le pratiche di allattamento potrebbero aver influito sull'evoluzione umana

Le pratiche di allattamento potrebbero aver influito sull'evoluzione umana
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Una nuova pubblicazione sulla rivista scientifica Science Advances ad opera di scienziati provenienti dall’Università di Bristol e dall’Università di Lione ha messo in luce un aspetto poco trattato che riguarda i nostri lontani antenati: l’allattamento.

Infatti, analizzando 40 denti risalenti ai nostri progenitori, in particolare ai primi Homo, Paranthropus robustus e Australopithecus africanus, si è riusciti a farsi un’idea sull’età di svezzamento e sulle pratiche d’allattamento.

Ma come si è giunti a tali conclusioni?

I ricercatori hanno analizzato lo smalto e la presenza di isotopi stabili di calcio nei denti fossilizzati la cui quantità è legata all’ingestione di latte materno. Si è evinto che i primi Homo, probabilmente, allattassero fino all’età di 3-4 anni al contrario dei Paranthropus robustus e degli Australopithecus africanus che, invece, smettevano di ingerire latte materno nei primi mesi di vita.

Il team ha ipotizzato che la durata dell’allattamento possa aver influito sullo sviluppo di talune capacità e tratti di questi antichi individui, contribuendo, inoltre, allo sviluppo del cervello stesso.

Il dottor Theo Tacail della School of Earth Sciences dell'Università di Bristol ha dichiarato che esistono molte differenze riguardo allo svezzamento, all’età di inizio e di fine, all’interno delle attuali specie di ominidi di cui noi facciamo parte ma, soprattutto, che queste abitudini hanno probabilmente influito sull’evoluzione e l’organizzazione sociale.

L’obiettivo è arrivare a comprendere, con più precisione, i legami tra la durata dell’allattamento e lo sviluppo cognitivo e fisico degli ominidi (umani e grandi scimmie).

Il percorso è ancora lungo, le prove poche ma la tecnologia a disposizione ed il forte connubio tra biologia, genetica ed archeologia porta a ben sperare su un progresso più rapido e ampio delle nostre conoscenze sull’evoluzione umana e non solo.

Quanto è interessante?
3