Premio "IgNobel" per la medicina alla pizza italiana: "Protegge da malattie e morte"

Premio 'IgNobel' per la medicina alla pizza italiana: 'Protegge da malattie e morte'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Ieri, in diretta mondiale, sono stati assegnati i premi "IgNobel" della 29esima edizione della cerimonia presso il Sanders Theatre dell'università americana di Harvard, ad aggiudicarsi il premio IgNobel per la medicina c'è uno studio sulla pizza, condotto da un team italiano e olandese.

Ma prima di tutto: cosa sono gli IgNobel? Sono premi assegnati a 10 ricerche scientifiche reali che, tuttavia, sono molto spesso strane, divertenti, e perfino assurde (ad esempio, il premio IgNobel per l'anatomia è stato vinto da una ricerca sullo "studio dell’asimmetria termica dello scroto").

Lo scopo del riconoscimento è "premiare l'insolito, l'immaginifico, e stimolare l'interesse del pubblico generale alla scienza, alla medicina, e alla tecnologia". I vincitori sono selezionati in base ad articoli pubblicati anche su riviste scientifiche autorevoli.

Come annunciato poc'anzi, all'Italia va l'IgNobel per la medicina, grazie alle ricerche sulla pizza di Silvano Gallus, dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Irccs di Milano. In sintesi, lo studio dimostra che il consumo regolare della nostra amata pizza è collegato a un minor rischio di tumori del tratto digestivo e di infarto.

Gli effetti positivi della pizza però, così come sottolinea anche Repubblica, "solo se prodotta e consumata in Italia". Il beneficio, potrebbe essere indotto dagli alimenti presenti nella prelibata pietanza, come il pomodoro e l'olio d'oliva, ad esempio.

Sicuramente uno studio curioso, ma che ci dà un motivo in più per mangiare più pizza, almeno una volta a settimana. Chi ha detto che la scienza è noiosa?

Quanto è interessante?
5