Prezzo di Dogecoin pompato, Elon Musk accusato di truffa: chiesti 258 miliardi di Dollari

Prezzo di Dogecoin pompato, Elon Musk accusato di truffa: chiesti 258 miliardi di Dollari
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L’amore di Elon Musk per Dogecoin non è cosa nuova ed anche nelle passate settimane a più riprese abbiamo riportato su queste pagine dei tweet del CEO di SpaceX che hanno provocato un aumento del valore del prezzo.

La questione però è finita in tribunale. Keith Johnson infatti ha presentato denuncia presso il tribunale federale di Manhattan, accusando Musk di aver gestito uno schema piramidale che ha portato alla crescita del valore del token del cane, salvo poi lasciarlo crollare. Tutti infatti ricorderanno che a pochi giorni dalla conduzione del Saturday Night da parte di Elon Musk, si era creato un certo hype intorno alla criptovaluta che fu nominata durante dal miliardario durante un segmento in cui interpretava un finto esperto di finanza.

Secondo la denuncia presentata dal cittadino, che chiede un maxi risarcimento da 258 miliardi di Dollari, “Dogecoin non vale nulla. Non è una valuta, un’azione o un titolo. Non è supportato da oro, altri metalli preziosi o altro. Non puoi mangiarlo, coltivarlo o indossarlo”.

Gli imputati affermano falsamente e ingannevolmente che Dogecoin è un investimento legittimo mentre invece non ha nessun valore” si legge in uno stralcio del documento presentato da Johnson, che mira a mettere su una class action per rappresentare anche altri investitori danneggiati. Inoltre, viene anche chiesto

FONTE: MF
Quanto è interessante?
4