I primi a produrre alcol? Gli abitanti della Cina del Neolitico

I primi a produrre alcol? Gli abitanti della Cina del Neolitico
di

Uno studio dell’Università di Stanford mette in luce come gli abitanti dell’antica Cina avessero sviluppato, nel Neolitico (stiamo parlando di circa 8000-7000 anni fa), la capacità di produrre bevande alcoliche a basse gradazioni.

In particolare lo studio ha cercato di stabilire la connessione tra la creazione di alcuni contenitori di ceramica, realizzati tra i 9000 ed i 7000 anni fa, e la miscelazione delle prime sostanze alcoliche.

Per stabilire questa connessione, gli scienziati hanno analizzato i residui fossili che erano adesi alle ceramiche del Neolitico ritrovate in importanti siti preistorici del nord della Cina.

Essi sono rappresentati da amido, funghi e fitoliti (cellule vegetali nelle quali si è depositata della silice).

Secondo i ricercatori, queste primissime bevande alcoliche derivano da almeno tre fattori fondamentali: il primo è stato la domesticazione dei cereali come miglio e riso, il secondo la creazione di questi contenitori utili per trasportare il vino (in particolare, quelli adibite al trasporto del vino erano globulari) e, in ultimo, la scoperta della fermentazione alcolica di cui la base era rappresentata da cereali ed erbe ammuffite.

L’uso di tali erbe, forse, è da considerarsi il metodo più rivoluzionario e caratteristico di questa cultura.

Lo studio continua spiegando che queste bevande fermentate dovevano aver svolto, all’epoca, funzioni sociali, spirituali e medicinali.

Il contenuto alcolico di tali sostanze era basso poichè queste venivano fatte con miglio, ginestra, riso, fagioli, radice di zucca, zenzero.

Il nome che veniva dato a queste bevande era Li, Jiu e Chang.

Insomma, anche nel Neolitico il bere sostanze alcoliche era considerato un modo per socializzare ed erano tanto importanti che venivano usate persino nelle cerimonie sacre e nella medicina.

FONTE: pnas.org
Quanto è interessante?
7