Produrre farmaci e vaccini 1 milione di volte più velocemente? Ecco come

Produrre farmaci e vaccini 1 milione di volte più velocemente? Ecco come
di

La ricerca di nuovi agenti farmaceutici, e nuovi vaccini, richiede sempre molto tempo, forse troppo per la velocità con cui gli agenti patogeni riescono a riprodursi e modificarsi. Una nuova tecnica, pubblicata sulla rivista Nature Chemistry, consentirà di accelerare lo sviluppo di cure di oltre 1 milione di volte riducendo al minimo i costi.

Più di 40.000 molecole, infatti, potranno essere sintetizzate ed analizzate all'interno di un'area più piccola della punta di uno spillo. Il metodo, sviluppato in Danimarca attraverso uno sforzo di ricerca interdisciplinare, permetterà di ridurre drasticamente le quantità di materiale, energia e costi economici richiesti per la produzione farmaceutica.

L'innovativa tecnica funziona utilizzando dei nano-contenitori simili a delle bolle di sapone e, grazie alla nanotecnologia del DNA, molti più ingredienti potranno essere mescolati al loro interno.

Nikos Hatzakis, Professore Associato presso il Dipartimento di Chimica dell'Università di Copenaghen e capo del team di sviluppo, ha affermato: "I volumi sono così piccoli che l'uso del materiale può essere paragonato all'utilizzo di solo un litro d'acqua ed un kg di materiale invece che l'intero volume di tutti gli oceani e dell'intera massa del Monte Everest. Questo è un risparmio senza precedenti in termini di fatica, materiale, manodopera ed energia".

"Un tale risparmio sarebbe di fondamentale importanza per qualsiasi sviluppo di sintesi e valutazione di prodotti farmaceutici", ha aggiunto la dott.ssa Mette G. Malle, autrice principale dell'articolo e ricercatrice post-dottorato presso l'Università di Harvard, negli Stati Uniti.

La ricerca, denominata "Fusione di Nanocontenitori Lipidici Combinatori a Particella Singola basata sulla Fusione Mediata dal DNA" (abbreviata SPARCLD), è stata svolta in collaborazione tra il Gruppo Hatzakis, dell'Università di Copenaghen, ed il prof. Stefan Vogel, dell'Università della Danimarca meridionale.

Il metodo innovativo, che implementa biochimica sintetica, nanotecnologia, sintesi del DNA, chimica combinatoria e persino Machine Learning, fornisce risultati in soli sette minuti. "Quello che abbiamo è molto vicino ad una lettura in tempo reale", ha spiegato la dott.ssa G.Malle.

A proposito di progressi dell'industria farmaceutica, tempo fa vi avevamo parlato di una ricerca inglese in cui medicinali personalizzati vengono stampati in pochi secondi, o dell'avvento del primo farmaco contro l'Alzheimer dopo 20 anni, funzionerà?

Quanto è interessante?
1
Produrre farmaci e vaccini 1 milione di volte più velocemente? Ecco come