Professore della Columbia: C'è il 50% di possibilità che stiamo vivendo in una simulazione

Professore della Columbia: C'è il 50% di possibilità che stiamo vivendo in una simulazione
di

In un famoso articolo del 2003, il filosofo Nick Bostrom ha sostenuto l'ipotesi che la nostra realtà sia una simulazione al computer creata da una civilta avanzata. Ora, anche l'astrofisico David Kipping ha ripreso l'argomentazione di Bostrom e ha calcolato che esiste il 50% di probabilità che l'ipotesi della simulazione sia vera.

Non è la prima volta che si parla di simulazioni della realtà, con argomentazioni più o meno fantasiose (come questa di un famoso hacker), ma la teoria di Bostrom-Kipping ha dei ragionamenti alla base che sono più forti.

Il cuore dell'argomentazione di Bostrom è composto da queste tre proposizioni, di cui almeno una deve essere vera:

  1. Le civilizzazioni, solitamente, si estinguono prima di sviluppare la capacità di creare simulazioni della realtà;
  2. Le civiltà avanzate, solitamente, non hanno interesse nel creare simulazioni della realtà;
  3. Viviamo, quasi certamente, all'interno di una simulazione al computer.

Kipping ha ripreso queste proposizioni, conosciute come il "trilemma di Bostrom" ed ha fatto i conti, sostenendo che la possibilità che la nostra realtà sia frutto di una simulazione è del 50%. L'astronomo ha fatto collassare le prime due proposizioni in una, sostenendo che in fondo portano alla stessa conclusione: non stiamo vivendo in una simulazione.

"Assegniamo una probabilità a priori a questi due modelli," racconta Kipping. "Assumiamo che sia valido il principio di indifferenza, che è l'assunzione di base quando non hai nessun dato o informazione aggiuntiva."

Il principio di indifferenza consiste nell'assegnare la stessa probabilità a due eventi, se non ci sono ulteriori motivi per non farlo.

Kippling afferma che più sono numerosi i strati di realtà simulata che sono immersi uno dentro l'altro, come in una matrioska, e più le risorse del computer diminuiscono. In altre parole, più scendi nella tana del bianconiglio, meno potenza computazionale hai per costruire delle simulazioni convincenti.

Dopo aver fatto i conti, l'astronomo ha affermato che la possibilità che una delle due ipotesi sia vera è circa il 50%. Tuttavia, se gli esseri umani riuscissero a costruire una simulazione di un livello simile, allora i calcoli andrebbero rivisti e la nostra visione potrebbe cambiare radicalmente.

"Quindi resta solo l'ipotesi della simulazione," spiega Kipping. "Il giorno in cui inventeremo questa tecnologia, passeremo da un 50-50 che siamo reali alla quasi certezza che non siamo reali, secondo questi calcoli."

Anche Elon Musk crede nell'ipotesi della simulazione, tuttavia ci sono molte questioni aperte: cosa succede se riveliamo un "glitch in Matrix"? O se riusciamo a dimostrare che queste simulazioni usano il principio di sovrapposizione quantistico e il risultato viene determinato solo quando lo guardi?

Altri scienziati affermano che, nei prossimi decenni, la nostra conoscienza dell'informatica ci permetterà di capire, una volta per tutte, se viviamo in una simulazione o no.

Per ora non possiamo fare altro che vivere, senza sapere se siamo un insieme di dati o no.

Quanto è interessante?
3