Qualcomm: accordo da 2 miliardi di dollari con i maggiori produttori cinesi

di

Dopo aver ricevuto una multa da parte dell'UE con l'accusa di abuso di posizione dominante, Qualcomm, il chipmaker statunitense, ha annunciato di aver firmato dei nuovi accordi per la fornitura di componendi con alcuni dei più importanti produttori cinesi.

Xiaomi, Lenovo, OPPO e Vivo utilizzeranno modem dell'azienda, grazie ad un accordo che prevede 2 miliardi di dollari di componenti in tre anni. L'accordo riguarda nello specifico la fornitura di componenti RF Front End, cioè di moduli di connettività, filtri, amplificatori di segnale, switch utilizzati nelle antenne, nei modem e in altre parti dei dispositivi mobili. Per questa categoria della propria offerta, Qualcomm può già vantare clienti come Samsung, Google, Htc, Lg e Sony Mobile.

L'annuncio d'intesa con le quattro società cinesi è arrivato da Pechino, in occasione di un evento organizzato da Qualcomm. Inoltre l'azienda ha anche svelato qualcosa sui componenti radio progettati per il 5G di prossimo lancio. La gamma dei 5G Tunable RF Front End, si legge in una nota, “è progettata per consentire agli Oem di differenziare i propri dispositivi 5G”, che grazie a questi componenti potranno vantare un design più sottile, una maggiore capacità nel captare il segnale, maggiori prestazioni e una minor consumo energetico.

Quanto è interessante?
1