Una delle querce più antiche d'Italia si trova nella provincia di Reggio Calabria

Una delle querce più antiche d'Italia si trova nella provincia di Reggio Calabria
di

Gli alberi non sono destinati a vivere in eterno, nonostante alcuni sembra che lo siano. La datazione al radiocarbonio ha recentemente rivelato che una delle querce più antiche d'Italia si trova in cima a un ripido pendio roccioso di un massiccio montuoso chiamato Aspromonte, che fa parte dell'Appennino calabro, nella provincia di Reggio Calabria.

Queste quercia ha resistito a temperature gelide, tempeste, venti ad alta velocità e siccità per oltre nove secoli, o 934 anni per l'esattezza. "Questi alberi sono testimoni del nostro passato", afferma Lucio Calcagnile dell'Università del Salento, Italia. "La storia del nostro clima, dell'attività solare, dell'impatto dell'uomo sull'ambiente è registrata nei suoi anelli e siamo sicuri che arriveranno altre importanti scoperte".

Nonostante la sua età, non è certamente l'albero più antico del mondo, poiché nelle giuste condizioni, il legno delle conifere sempreverdi è noto per resistere per diverse migliaia di anni. In passato, i conteggi degli anelli degli alberi hanno rivelato querce temperate molto grandi in Svizzera, Bosnia e Svezia che avevano rispettivamente circa 930 anni, 866 anni e 600 anni.

Capire l'età di un albero utilizzando i suoi anelli o una parte parziale del suo nucleo non è un'analisi incrociata accurata. La datazione al radiocarbonio, da questo punto di vista, può essere un approccio migliore. Raccogliendo campioni di legno degradato dai tronchi cavi di cinque grandi querce nelle montagne del Parco Nazionale dell'Aspromonte nel Sud Italia, i ricercatori hanno messo ancora una volta alla prova questo metodo.

Anche a quote così elevate, la loro analisi rivela che le querce dell'Aspromonte sono alcuni degli esempi temperati più antichi del mondo: tutte e cinque le querce avevano un'età compresa tra 570 e 934 anni. La quercia più piccola campionata, chiamata Demetra, cresceva verso l'esterno a circa 0.4 millimetri all'anno.

"Ciò che rende uniche le querce dell'Aspromonte non è solo la straordinaria età di Demetra ma anche la nicchia ecologica che occupano, che è drammaticamente diversa dai territori di pianura e collinare dell'Europa centrale e settentrionale dove sono state trovate altre vecchie querce", scrivono gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Economy.

Quanto è interessante?
4