Ragazzo tenta di creare carburante per razzi in cucina, ma finisce molto male

Ragazzo tenta di creare carburante per razzi in cucina, ma finisce molto male
di

La vicenda di cui vi stiamo per parlare è il classico esempio di esperimento che gli scienziati avvertono di “non fare a casa”. Uno studente universitario ha cercato di creare carburante per razzi nella cucina del suo dormitorio, dando fuoco per un po’ di tempo pareti e soffitto e allagando buona parte dell'edificio.

La bizzarra situazione è stata ripresa poi dalla stessa polizia della Brigham Young University che, tra Facebook e Twitter, ha reso noto l’episodio al pubblico: lo studente stava cercando a tutti gli effetti di creare del carburante fai-da-te sul piano cottura della cucina ma, all’improvviso, si è acceso in una palla di fuoco che ha coperto pareti e soffitto attorno alla stufa, causando un breve incendio spento rapidamente dagli irrigatori sul soffitto e dai vigili del fuoco intervenuti.

Per fortuna nessuno è rimasto ferito in questo strano tentativo di realizzare del carburante per razzi, ancora non motivato dallo studente in maniera chiarissima, ma 22 residenti sono stati sfollati a causa delle inondazioni dovute dall’incendio. La polizia non esclude ancora accuse penali, sebbene si ritenga che non ci sia stato alcun intento dannoso dietro questo esperimento. Come spiegato dal portavoce della polizia Jeff Long, è semplicemente stato un gesto “decisamente sconsiderato”.

E sempre a proposito di razzi, per Elon Musk SpaceX riuscirà a creare carburante per razzi dall’aria.

Quanto è interessante?
2