Il razzo Delta IV Heavy è stato avvolto dalle fiamme tre secondi prima del lancio

di

Il vettore Delta IV Heavy della ULA, la United Launch Alliance, che avrebbe dovuto portare in orbita il satellite spia americano NROLL-44, ha subito un brusco arresto pochi secondi prima del lancio.

Il lancio del razzo, di cui vi avevamo già parlato, era programmato per la serata del 29 agosto (quando da noi in Italia sarebbero state le 08:12 di mattina). Dopo aver superato rinvii di minore entità, la missione ha subìto l’ennesima battuta di arresto a causa di un problema non ben specificato della piattaforma di lancio. La missione è stata annullata dal sistema automatico di emergenza che ha rilevato un’anomalia circa tre secondi prima del lancio, arrestando immediatamente i motori del Delta IV Heavy e provocando una risalita delle fiamme di scarico lungo la fusoliera. Potete osservare il momento in questione nel video che trovate allegato a questa notizia, dopo il minutaggio 01:44:32.

Per fortuna non ci sono stati danni né a persone né al veicolo e al suo prezioso carico. Il presidente e CEO della ULA a tal proposito ha dichiarato: “È stata un’interruzione automatica durante la sequenza di accensione. Il problema sembra essere avvenuto nel sistema di terra. Il sistema ha funzionato come previsto per proteggere il veicolo e il carico utile”.

Il razzo Delta IV Heavy è il più potente della flotta della ULA, e può portare fino a 28’370kg di carico utile in orbita bassa, o 13’810 in orbita geostazionaria. Per adesso il lancio del satellite spia (di cui non si conoscono né fattezze né scopo per motivi di sicurezza nazionale) è rimandato di almeno una settimana, sperando in una nuova finestra di lancio utile per i primi di settembre.

Vi ricordiamo inoltre che di recente la Boeing ha fatto molti progressi con la sua capsula Starliner ed è gia stato selezionato l'equipaggio per i futuri viaggi verso la ISS.

FONTE: SPACE.COM
Quanto è interessante?
5