Redmi 10X potrebbe essere il primo smartphone dual-SIM con supporto al 5G

Redmi 10X potrebbe essere il primo smartphone dual-SIM con supporto al 5G
di

Il Redmi 10X potrebbe essere il primo telefono ad utilizzare il chipset MediaTek Dimensity 820. Questo processore supporta il 5G ma soprattutto il dual-SIM consentendo così il collegamento in contemporanea di entrambe le schede alla massima velocità disponibile attualmente.

Essendo il 5G ancora non del tutto maturo ed in fase di sviluppo oltre a non essere presente in molte città, avere la possibilità di poter tener collegate due SIM, permette all'utente di passare dall'una all'altra in base alla copertura del segnale nel luogo in cui su trova.

I vantaggi chiaramente non si fermano qui ma ci sarà da attendere il prossimo 26 maggio, data scelta per la presentazione dello smartphone. Oltre al discorso connettività, il Redmi 10X sarà equipaggiato con uno schermo AMOLED, quasi mai presente su dispositivi di fascia media, permettendo così l’introduzione dell’Always On Display.

Questa feature è sempre molto richiesta dagli appassionati del mondo Android ed in questo caso potrebbe essere personalizzabile anche con del testo, dei motivi e persino con delle immagini, oltre alla classica schermata che mostra l’ora e le notifiche. Il tutto sarà arricchito dall'esperienza software personalizzata dalla MIUI 12, annunciata qualche settimana fa.

Il chipset Dimensity 820 garantirà prestazioni quasi da top di gamma oltre alla connettività avanzata. Non c'è ancora alcun riferimento al prezzo ma come sappiamo, il marchio Redmi è sempre stato contraddistinto da un elevato rapporto qualità-prezzo. Non è da escludere che possano essere due gli smartphone, il Redmi 10X 5G standard ed una variante Pro ancora più ricca di specifiche.

Intanto, sempre nella giornata odierna, anche Honor ha annunciato che i prossimi smartphone 5G della casa cinese saranno equipaggiati con processori Mediatek.

Quanto è interessante?
1
Redmi 10X potrebbe essere il primo smartphone dual-SIM con supporto al 5G