La "Regina dei Numeri": la storia di una donna afroamericana a capo del crimine di Harlem

La 'Regina dei Numeri': la storia di una donna afroamericana a capo del crimine di Harlem
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Madame Stephanie St. Clair era un'imprenditrice di Harlem, abile coi numeri e nel duplicare contanti, anche durante la Great Depression. Ma come la maggior parte degli afroamericani all'inizio del XX secolo, si è trovata esclusa dalle tradizionali attività finanziarie dominate dai bianchi, come le banche o gli investimenti.

Invece, ha fatto fortuna nell'economia sommersa del racket del gioco d’azzardo. Affrontando senza paura poliziotti corrotti e mafiosi violenti allo stesso modo, è diventata uno degli operatori di maggior successo del settore, mentre incanalava i suoi soldi in iniziative legittime e lavorava per sostenere altri afroamericani. Conoscete la storia di Henry "Box" Brown? Un altro episodio "esilarante" di quegli anni.

Durante gli anni '20 e '30, quando milioni di afroamericani si unirono alla Grande Migrazione dal sud alle città del nord e del centro-ovest, Harlem divenne il centro dell'America nera, con una fiorente scena artistica, musicale e letteraria.

Con il fiorire di questo Rinascimento di Harlem, anche un tipo illegale di lotteria chiamata "policy" o "numbers". Il gioco consiste nello scegliere tre numeri tra 000 e 999, sperando che corrispondessero ai numeri estratti quotidianamente dalle fonti pubbliche, come la Borsa di New York, il saldo del credito di fine giornata della Federal Reserve e altri.

"Il gioco d'azzardo numerico ha consentito a molti afroamericani di integrare salari bassi e [raggiungere] sicurezza economica", scrive LaShawn Harris, professore di storia della Michigan State University e autrice di Sex Workers, Psychics, and Numbers Runners: Black Women in New York City's Underground Economy. Alcuni hanno goduto dell'opportunità di ottenere ricchezza e indipendenza finanziaria. Con le loro vincite, i neri pagavano le bollette, compravano radio e vestiti e iniziavano persino le proprie operazioni con i numeri”.

Mentre il racket della policy dipendeva da una notevole forza lavoro di individui per raccogliere i tagliandi e pagare i vincitori, la persona più importante era il banchiere, che finanzia l'intera operazione. Stephanie St. Clair è stata una delle più potenti banchiere di Harlem degli anni '20 e dei primi anni '30.

Poco si sa dei primi anni di vita di St. Clair. Sebbene sia nata nelle Indie occidentali francesi, non è chiaro esattamente quando e come sia arrivata a New York e come abbia ottenuto i fondi iniziali per lanciare la sua "banca".

Ma ai suoi tempi d'oro, secondo Harris, St. Clair guadagnava $ 200.000 all'anno come l'autoproclamata "Regina dei numeri" con i suoi 50 “corridori”, 10 controllori e diverse guardie del corpo. Ha vissuto in uno degli edifici più prestigiosi di Harlem, sede di luminari come WEB DuBois e del futuro giudice della Corte Suprema Thurgood Marshall, ha investito in altri immobili ed era nota per i suoi abiti esotici e alla moda, i turbanti colorati e le morbide pellicce.

"Black Harlemiti ammirava la focosa ‘Regina dei numeri’ perché impiegava innumerevoli uomini e donne di colore come ‘corridori di numeri’, perché sosteneva finanziariamente numerose attività nere legittime e perché sosteneva apertamente il progresso razziale per gli afroamericani e gli immigrati neri", scrive Harris. Molti hanno anche elogiato la sua incrollabile determinazione nel tenere testa ai racket bianchi come Arthur "Dutch Schultz" Flegenheimer, che ha cercato di impossessarsi degli affari dei banchieri politici neri.

Concludiamo questa storia rimandandovi al nostro articolo sul "Black History Month": il Mese della storia dei neri, argomento molto in voga nel 2021.

[Bettmann/Contributor/Getty Images - Wikimedia Commons]

Quanto è interessante?
1
La 'Regina dei Numeri': la storia di una donna afroamericana a capo del crimine di Harlem