Il Regno Unito ha messo in discussione la sicurezza dei dispositivi Huawei

Il Regno Unito ha messo in discussione la sicurezza dei dispositivi Huawei
di

Nuova stangata da parte di uno Stato occidentale nei confronti di Huawei. Questa volta le affermazioni sono gravi, e arrivano dall'agenzia di sorveglianza per le telecomunicazioni del Regno Unito. "Allo stato attuale non possiamo garantire sicurezza dispositivi Huawei", si parla nuovamente del 5G.

Dito puntato contro Huawei: l'infrastruttura 5G nelle mani dei cinesi, un pericolo per la sicurezza nazionale dicono in primo luogo gli americani. Ma ora anche le autorità del Regno Unito condividono questa preoccupazione. L'UK sta già usando in via sperimentale tecnologia Huawei per la rete 5G.

"Esiste solo una garanzia limitata che i rischi per la sicurezza a lungo termine —avrebbe detto l'autorità per le telco britannica, stando all'ANSA— possano essere gestiti nelle apparecchiature Huawei attualmente installate nel Regno Unito".

Si parla già di uno dei giudizi più gravi espressi sulla questione 5G-Huawei, per il Financial Times il Consiglio di sorveglianza, nel modo in cui ha scelto di formulare il suo giudizio scritto nero su bianco in un dossier da 46 pagine, ha scelto la strada più severa possibile, fermandosi ad un passo dal chiedere un divieto assoluto dell'utilizzo di tecnologia Huawei per la rete 5G del Paese.

L'azienda cinese, riporta sempre l'ANSA, avrebbe già promesso di destinare 2 miliardi di sterline per costruire le garanzie necessarie a far fronte alle preoccupazione delle autorità britanniche.

Simili preoccupazioni anche dal Garante della Privacy italiano, che ieri, all'uscita dall'audizione davanti al Copasir, aveva espresso preoccupazione per l'interesse dei cinesi nei confronti dell'infrastruttura 5G.

L'azienda ha sempre negato di avere un rapporto di sudditanza nei confronti del Governo cinese, e quest'ultimo, per bocca del suo Ministro degli Esteri, ha definito le accuse degli USA "immorali".

FONTE: ANSA
Quanto è interessante?
3