Ricercatori a caccia dell'origine degli asteroidi extrasolari

Ricercatori a caccia dell'origine degli asteroidi extrasolari
di

Dal 2017 sono entrati nel sistema solare due oggetti provenienti dal resto della Galassia. Il primo è Oumuamua, che in Hawaiano significa messaggero da lontano, e il secondo è 2I/Borisov. Paul Wiegert del Western University's Institute for Earth & Space Exploration sta tracciando l'origine di questi oggetti insieme a un suo studente, Tim Hallatt.

"Il nostro sistema solare è grande. Contiene pianeti e asteroidi ovunque," spiega Hallat. "Ma la nostra Galassia è molto vasta. È circa 100.000 volte più grande del nostro sistema solare. La Via Lattea contiene tutte le stelle che possiamo vedere nella notte, più i loro sistemi stellari. Quando un visitatore dal resto della Galassia passa attraverso il sistema solare, sappiamo di avere un'opportunità di studiare qualcosa di speciale."

La Via Lattea ha oltre 100 miliardi di stelle e quindi trovare il sistema di origine di un asteroide è molto complicato, e il modo in cui si sono formati rimane sconosciuto. Tracciando il loro moto indietro nel tempo è possibile, in principio, determinare il punto di partenza.

Questo è quello che Wiegert e Hallatt stanno facendo. Hanno iniziato indagando il primo ospite, Oumuamua , apparso a Ottobre 2017, e hanno determinato che deve essere molto giovane, a causa della sua velocità bassa.

"Giovane significa che ha meno di 100 milioni di anni. Non giovane in termini umani, ma è un tempo corto in confronto all'età della nostra galassia," afferma Hallat.

2I/Borisov è diventato parte dello studio dopo la sua apparizione, sembra essere molto più vecchio di Oumuamua e per questo molto più difficile da tracciare. Sono state individuate traccie di acqua su 2I/Borisov. Anche se è impossibile localizzare il punto preciso di partenza, Hallat e Wiegert sono stati in grado di calcolare che l'origine è nelle vicinanze e potremmo essere in grado di osservarla con un telescopio.

"Studiare l'origine di questi sistemi può fornire molti indizi. Anche se la loro origine rimane elusiva non ci vorrà molto tempo prima che questi oggetti rivelino i loro segreti.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
4